Cento anni di Panettone Domani sarà un 25 Dicembre speciale per il Panettone, il dolce che gli italiani identificano con il santo Natale e che l’83% di loro dichiara di consumarlo abitualmente durante le festività, compie cent’anni. Parliamo del Panettone classico, con la forma a fungo e che rappresenta un’icona tutta italiana e che porta la firma del signor Angelo Motta. Come per tutte le invenzioni che riscuotono successo anche quella del Panettone è una storia di passione, lavoro, segreti fantasie ed intuizioni. La leggenda vuole che ad inventarlo fu Toni il lavorante nella cucina della famiglia Sforza, il quale a Natale bruciò il dolce preparato per il banchetto ducale cosi’ decise di impiegare lo zucchero ed il panetto di lievito madre che aveva tenuto da parte per il suo Natale, lo lavorò a più riprese e ci aggiunse l’uvetta ed i canditi fino ad ottenere un impasto soffice e molto lievitato. Il dolce risultò cosi’ squisito tanto che Ludovico il Moro lo chiamò “Pan de Toni “ in omaggio al creatore. Panettone significa semplicemente “grosso pane” e rientra nella categoria dei pani dolci natalizi e fino ai primi del Novecento viene infornato senza alcuno stampo, ciò reso possibile in quanto la quantità di grassi contenuta è modesta, è il periodo in cui lo zucchero è un bene prezioso ed in occasione delle feste si dolcifica il normale pane quotidiano.In tutta Italia si confezionano diversi pani festivi, ma sarà solamente il pane natalizio di Milano a diventare il principale dolce italiano del Natale.I dolci natalizi compreso il Panettone, si presentavano “bassi” fino a quando a Verona il signor Domenico Melegatti ebbe l’idea di riempire di burro e di uova il dolce natalizio tradizionale locale, il “Nadalin” e nel 1894 lo brevettò con il nome di “Pandoro” decidendo cosi’ di sfidare il “Panettone milanese” aprendo proprio nel centro di Milano una pasticceria.Ma poco prima degli anni 20 vi fù l’intuizione che rivoluzionò la pasticceria italiana infatti il signor Angelo Motta, per rendere unico il suo Panettone, aumentò le dosi di burro, uova, zucchero ed i canditi, allungò inoltre i tempi di lievitazione e di cottura e poiché la pasta cosi’ trattata diventa più molle ricorse, per sostenerla, alla semplicissima e geniale soluzione fasciatura di carta a corona ed il Panettone assume cosi’ la forma 2a fungo” che diventa icona del dolce delle festività natalizie. Il signor Angelo Motta è il classico industriale cresciuto dal niente il quale iniziò a lavorare giovanissimo in un panificio di Treviso per trasferirsi successivamente a Milano dove completò l’apprendistato divenendo Capo Pasticcere.Dopo la grande guerra, grazie ai risparmi di famiglia, avviò un’attività imprenditoriale, nacque cosi’ nel 1919 la ditta artigiana individuale “Angelo Motta nella centrale via Chiusa “ dove fece crescere con due forni il suo Panettone.L’idea si rivelò vincente e gli affari andarono a gonfie vele ed il signor Angelo, il quale non ha neanche la licenza elementare decise di rivolgersi a dei professionisti, ingaggiando l’architetto Melchiorre Bega per realizzare il suo primo negozio in Piazza Duomo a Milano ed il signor Dino Villani come direttore della pubblicità nonché il signor Severino Pozzati il quale disegnò il logo aziendale, la grande M che sovrasta la silhouette del Duomo. Negli anni la produzione continuò a crescere ed il signor Motta apri’ un nuovo stabilimento in Viale Corsica e negozi lungo tutta la Penisola. I bombardamenti del 1943 su milano distrussero la pasticceria in Piazza duomo ma non frenarono il successo industriale, tant’è che la crescita continuò grazie al processo di ricostruzione impresso dall’IRI ed ai prodotti innovativi come il gelato confezionato da passeggio e la “Colomba Pasquale” Eppure è al Natale che rimane ancorato il nome Motta e sembra anche scritto nel destino del fondatore che muore il 26 dicembre del 1957, dato anche al fatto

Cari amici e membri della community di Cam.TV desidero scusarmi se, afflitto nuovamente da una forma influenzale che mi ha ridotto le energie, nei giorni scorsi non vi ho ringraziato personalmente ed in privato per il vostro generoso supporto. Desidero però oggi omaggiarvi del seguente articolo in occasione dei 100 anni del " Panettone " e porgervi i miei migliori auguri di Buon Natale

Cari amici e membri della community di Cam.TV sapete cos'è la stima di sé? Come farla crescere? e se si può acquistare l’autostima con il tempo ? Il dizionario indica l'autostima come la stima di sé, come una valutazione positiva delle proprie capacità, essa può anche essere una qualità che si apprende nel corso della vita. La si costruisce giorno per giorno, con la fiducia e la sicurezza nel dover affrontare le prove della vita, consapevoli che potrebbe esserci la possibilità di affrontare ed incorrere in sbagli ed errori. L'autostima non è genetica né essa non si può ereditare ma va formata ed alimentata giorno dopo giorno. Una buona e sana autostima, aiuta ogni soggetto nel costruire il proprio mondo funzionale, sia interiore che quello esteriore, sperimentandosi con coraggio e curiosità. Pertanto l'autostima andrebbe sempre nutrita e incoraggiata, soprattutto nelll'adolescenza durante la quale si avranno già delle basi solide, con la costruzione della propria identità in un sano processo di individuazione e separazione, in modo da poter sviluppare cosi' un senso di fiducia verso il mondo esterno e le proprie capacità. È molto importante il ruolo dei genitori in essa, è importante che i genitori siano consapevoli dell'importanza del loro compito: le parole ed il compotamento hanno infatti un impatto rilevante, condizionando profondamente il figlio, ma soprattutto avranno un peso negativo i loro giudizi. Per un figlio, la consapevolezza che un genitore abbia stima e fiducia in lui, e soprattutto lo accetti e confidi nel suo potenziale, è fondamentale, ciò infatti lo aiuta a sviluppare la stima di sé e a sentirsi più fiducioso. Un figlio con una buona sicurezza in sé e meno condizionabile dagli altri sarà meno orientato a cercare l'omologazione sociale e si sentirà più autonomo e indipendente. Fonte : Guida Psicologi Web Page Web Page immagine tratta da(by) www.latuamappa.com di Marco Venturi Web Page L'autostima non è genetica, non si può ereditare ma va costruita ed alimentata giorno dopo giorno. Una buona e sana autostima, aiuta ogni soggetto, a costruire il proprio mondo funzionale, sia interiore sia esteriore, sperimentandosi con coraggio e curiosità.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448