Spettacolare . Un Luna Park a elettricità zero, una vera e propria alternativa sostenibile ai più famosi parchi di divertimento del mondo. Si trova a Nervesa di Battaglia, vicino a Treviso. Ogni anno richiama ben 50 mila visitatori. Il Luna Park è nato dall'ampliamento di un'osteria di famiglia presente da decenni in questa zona. La fama di questo luogo ha raggiunto anche l'estero, fino ad approdare sulle pagine di The Guardian. Ai Pioppi è il nome di questo Luna Park senza elettricità che sta diventando sempre più noto in Italia e all'estero. Il Luna Park si trova in una zona boschiva alle spalle del ristorante di famiglia. Bruno Ferrin, il proprietario, ha aperto il ristorante nel 1969, ed ha trascorso i successivi quarant'anni a dare forma ad un progetto davvero ambizioso. Il parcogiochi è gratuito per tutti i clienti del ristorante. L'osteria e il parco giochi sono aperti solo sabato, domenica e festivi dalle 10.30 fino a sera, con cucina con orario continuato, cena compresa. Ad agosto l'apertura sia della cucina che del parcogiochi è prevista tutti i giorni. Per il funzionamento delle giostre di questo speciale Luna Park non serve l'elettricità o ne basta pochissima. Al momento il Luna Park Ai Pioppi è composto da 45 giostre tutte azionate soltanto dalla forza di chi vi sale sopra. In questo Luna Park ci si diverte rimanendo a diretto contatto con la natura, dato che le giostre sono immerse in un bosco di faggi, castagni, platani, betulle e olmi, che fanno da sfondo rilassante ad una zona collinare molto piacevole.

La prima grande muraglia costruita dall'uomo, quella cinese, sorse per ragioni militari. La nuova grande muraglia che l'uomo sta costruendo ha tutte altre ambizioni. La Grande Muraglia Verde sarà addirittura più lunga dell'originale in mattoni ed è in realtà un progetto di riforestazione dell'Africa Centrale, che taglia trasversalmente il centro del continente ed è volto a fermare l'avanzata dei deserti.

2  

Un sogno per gli appassionati di arte. È possibile dormire nella splendida casa di Monet a Giverny. La celebre Maison Blue, in cui visse l'artista, è accessibile a tutti su Airbnb. Acquistata da Claude Monet alla fine del 19 ° secolo, la casa oggi è un bed and breakfast, in cui gli amanti dell'arte possono assaporare almeno per qualche giorno le sensazioni vissute dall'impressionista. Quest'ultimo acquisto la "Blue House" o "Maison Bleue" perché il giardino era ideale per coltivare le verdure che amava cucinare. La casa all'epoca era situata in un quartiere in cui vivevano molti artisti, tra cui anche alcuni pittori americani. Situata nel cuore di Giverny, la casa è circondato da 1500 mq di giardino ed è a pochi minuti da musei e ristoranti. Rinnovata nel 2016, è un mix di antico e moderno, come rispecchiato anche dagli arredi. "Questa casa è perfetta per coppie, viaggiatori singoli, viaggiatori d'affari, famiglie. Siamo nel cuore di Giverny ma nella parte più tranquilla" si legge sulla pagina ufficiale. Con i suoi 200 mq, può ospitare contemporaneamente fino a 6 persone. È dotata di 3 camere da letto e altrettanti bagni. Al piano terra sono presenti, cucina, due soggiorni, camera da letto con servizi igienici, mentre al primo piano si trovano le altre due camere da letto e i bagni.

2  
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260