PONTREMOLI. La “dea” si è materializzata martedì scorso. Sorridente, affabile per nulla snob. E con famiglia al seguito. Per tutta Pontremoli una sorpresa, una meraviglia, ma anche una specie di “segreto” da mantenere. Possibile che Meryl Streep, regina del cinema mondiale, forse la star più brillante del firmamento di Hollywood, scelga la Lunigiana per una vacanza? Sì, possibile. Per cinque giorni l'interprete di Mamma mia, Kramer contro Kramer, La scelta di Sophie, Iron Lady (titoli, gli ultimi tre, per cui ha vinto altrettanti premi Oscar), e tanti altri che hanno fatto la storia della settima arte, ha soggiornato nel suggestivo agriturismo 'Costa d'Orsola", per festeggiare il matrimonio del figlio Henry Gummer. Assieme a tutta la famiglia.

Come ogni anno, in questo periodo è possibile ammirare la meravigliosa fioritura di Castelluccio di Norcia, in Umbria. Nei campi coltivati a lenticchie non si usano pesticidi e sbocciano così fiori di senape, papavero, camomilla e altri fiori selvatici che colorano la piana. Il fenomeno attira numerosi visitatori tra giugno e luglio: i nursini invitano a godersi lo spettacolo, rispettando però la natura senza calpestare fiori e coltivazioni.

2  

L’autrice, Monica Bormetti, è una consulente nella formazione sull’uso consapevole dei media digitali in ambito aziendale e scolastico e, pagina dopo pagina, racconta chiaramente come gli smartphone (questi telefoni che riteniamo così smart, cioè “intelligenti”, “brillanti”) in realtà si stiano sempre più frapponendo tra noi e la vita vera. Passiamo tantissimo tempo attaccati ai telefonini non per l’uso classico, ovvero telefonare, ma per seguire mail, chat, social: a seconda degli studi si va dalle due a cinque e anche più ore al giorno. Pure senza considerare gli effetti nocivi sulla nostra salute fisica delle emissioni elettromagnetiche dei cellulari (espresse nel valore SAR), lasciando da parte le considerazioni sulle tecnologie e gli standard che si stanno imponendo sul mercato, facendoci credere che prestazioni e velocità superiori siano assolutamente indispensabili per migliorare la qualità della nostra vita, restano pur sempre gli effetti psicologici di queste “protesi del nostro esistere”. Che sia chiaro: in questo libro non c’è nessuna posizione “contro” i cellulari ma, semmai, viene sottolineata l’importanza di una riflessione, seria, sull’uso che ne facciamo, affinché sia davvero possibile trarne il massimo vantaggio e, al tempo stesso, “abbassandone i costi in termini cognitivi, relazionali e fisici”.

104  
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252