Roma sul fondo l'altare della Patria...

2  

Si vive di condizionamenti mentali, si vive di ciò che ci è stato trasmesso, di quel condizionamento che ci unisce e divide, poiché ogni tanto affiora, la capacità di vedere le cose con la nostra mente, di ragionare, di voler capire e questo ci rende più umani e reali. Resta che si vive in una condizione psicologica robotica, ci hanno trasmesso una disciplina, un programma al quale attenerci, che governa il nostro agire, sulle basi della quotidianità che la società vuole, ogni cosa per ognuno di noi, ha una ragionevole differenza nel restare identica, basta un nulla per farci convincere da altri, che ciò ritenevamo sbagliato è in realtà giusto, si cambia spesso e con facilità idea, ci ripetiamo nella nostra continua e costante, capacità di contraddirci, senza che ce ne accorgiamo, senza chiederci perché accade questo. Ogni giorno, ogni istante, ripetiamo pressoché tutti le stesse cose, gli stessi gesti, come una pellicola di un Film che viene riavvolta, per ripetersi all'infinito, con piccole, sporadiche variazioni al Tema che quel Film vuole fornire a chi lo guarda, a ben guardare siamo numeri, solo numeri di un meccanismo, molto più grande di noi, dove esistono poche e pochi Burattinai, che tirano i fili dei molti e molte marionette, prive di mente che si ostinano ogni giorno a cercare una strada ed in questa strada un perché la Vita sia cosi avara, complessa, dove esiste non un credo, ma solo il Dio Denaro, senza il quale non puoi vivere, non hai ancor più nulla di Tuo, nulla che possa farti dire, io ho un cervello io ragiono e sono libero... Perché non si è liberi, fintanto la società ti impone cosa puoi e non puoi fare, quando chi uccide a seconda del parere personale di altri non paga la sua colpa, dove non paga chi perpetra violenza su Donne e Bambini, non paga chi Ruba in casa d'altri, perché qualcuno ha deciso cosi, non paga chi sta rubando la Tua libertà, la tua salute, la tua stessa vita. Un meccanismo che dovrebbe permettere ad ognuno di avere la capacità di poter mettere a posto ogni giorno l'ultimo pezzo di un puzzle sempre diverso, mentre questa vita, la società ti impone ogni giorno lo stesso puzzle, senza mai poterlo terminare, senza mai vederne la fine, senza poterne esserne felice, senza poterti dire ho messo, ho chiuso un Puzzle ogni giorno ed ho visto la vera vita. Potrai solo portare con te il nulla, poiché come chiunque prossimo all'ultimo saluto, ci si accorge tardi che si è vissuto per nulla, se non forse il sorriso prima e le lacrime poi di chi hai Amato.

Hemmmm, non sapevo come dirlo, forse sono troppo sfacciato mi sa.... Dolce notte a Voi Camers a Domani... Notte a chi nel Cuore, a chi nei pensieri, a chi nel sorriso.

12  
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273