Fortunati si diventa

2018-09-13 12:32:50

Come pensa chi raggiunge i propri obiettivi? Se sei stanco dei coach del tipo "Dai che ce la fai" ascolta fino in fondo questo video. www.dottormiali.it

3  

Fai ancora in tempo

2018-09-12 08:40:51

Sei di fronte a una decisone che potrebbe cambiare la tua vita e non sai che pesci pigliare: studio musica o ingegneria? Lo mollo o non lo mollo? Rimango a Venezia o vado a vivere in Toscana? E non hai la sfera di cristallo. Tre caratteristiche importanti da tenere in conto quando abbiamo il problema di fare una scelta e non sappiamo bene se andare a destra o a sinistra. Tornare indietro dopo aver mosso mari e monti potrebbe costarti molto caro; inoltre quella che razionalmente potrebbe sembrarti la scelta giusta magari non è quella che ti renderà felice, che scalderà il tuo cuore, la tua pancia e certamente oggi ti sfuggono dei particolari che si evidenzieranno solo quando sarai dall’altra parte della decisione e potresti pentirti amaramente di non averci pensato prima. Il sistema classico di problem solving risale ai ricordi dell’infanzia. Ti ricordi la maestra quando ti diceva “Prendi il foglio, dividilo in due e fai una colonna A e B”? Non era certo per fare problem solving, ma rende l’idea. Siamo portati a fare una scelta seguendo criteri prettamente razionali, i pro e i contro. Il metodo si evolve a livello ingegneristico dando un peso specifico e un valore numerico a ciascuna delle cose. Se per te il fatto che ci sia un buon clima è molto importante, beh allora avrà un peso specifico maggiore. Oggi ti voglio descrivere brevemente una tecnica che io utilizzo all’interno del corso Migliora la tua autostima rispetto al prendere la decisone giusta e si chiama lasciati attrarre dal tuo futuro. Metti due bigliettini davanti a te a distanza di 3 metri circa e immagina te stesso sia a destra, che a sinistra, in un arco temporale più o meno di due anni, poi può variare a seconda del tipo di scelta che devi fare, e immagini te stesso fra due anni come sarai se avrai scelto A e te stesso fra due anni se avrai scelto B. Tu sei da questa parte, vedi entrambe le cose e ti fai già un’idea di che faccia hanno questi due te stessi. Allora vai a sinistra e lascia che, mentre fai questa passeggiata verso il tuo futuro, i tuoi piedi ti portino come se fossero dotati di una loro volontà autonoma e cerca di vivere le sensazioni correlate a fare questa scelta. Quando arriverai in fondo, supponiamo due anni, cerca di immergerti completamente in quel te stesso e sii consapevole dell’ambiente intorno a te, di quello che farai a livello comportamentale, quali saranno le tue capacità, i tuoi valori in base ai quali hai fatto questa scelta, le tue convinzioni e, a livello di identità, per chi o per cosa vale la pena di fare questa scelta. A quel punto fai un respiro e ascoltati. Che sensazioni, che informazioni ti arrivano da questo futuro? Potrebbe rivelarsi più bello o meno bello di come lo avevi immaginato, potrebbero arrivarti delle informazioni che non sospettavi. A questo punto girati indietro verso il te stesso che nel passato deve ancora fare la scelta e dagli un messaggio, magari fa ancora in tempo a venire da questa parte, o in tempo di andare da quella parte perché quel futuro non ti piace. Una volta tornato indietro nel tempo presente è ora di esplorare l’altra alternativa e quindi di nuovo ti muovi lentamente, arrivi nel futuro, ti immergi completamente, ti giri, guardi il te stesso dal futuro e dici “oh, cavolo ma qui si sta proprio bene, ma che stai aspettando a venire da questa parte? – oppure – No, no vai dall’altra”. Avrai sicuramente più informazioni e quello che ti arriverà potrebbe essere decisivo per il tuo futuro. Dunque lasciati attrarre dal tuo futuro e fai la scelta giusta, sei ancora in tempo. Buon cammino! www.dottormiali.it

Ansia da prestazione

2018-09-11 05:02:53

Oggi parliamo di ansia da prestazione. Daniel Goleman utilizza una metafora efficace per spiegare cio’ che accade quando le emozioni prendono il sopravvento sulla razionalità: lo psicologo statunitense afferma che ‘esse “sequestrano” la sostanza grigia’. Ricordo all’esame di Clinica chirurgica un amico, appena bocciato, ripetere affranto : “La sapevo! L’avevo studiata! La sapevo fino a un attimo prima!” La sua mente, a causa del nervosismo per l’esame, era andata completamente in tilt: al momento della prova non ricordava più nulla. Tutto questo si spiega con il fatto che la paura è andata rafforzandosi nel tempo, senza mai trasformarsi nell’affermazione “Sono pronto!”. A conferma di cio’, alcuni esperti sostengono che la soluzione sia di ri-etichettare la preoccupazione sentita, chiamandola non piu’ ‘tensione’ ma ‘eccitazione’ : “Sono pronto! Fatti sotto!” Ma quando le gambe fanno “Giacomo, Giacomo”, oltre un certo limite quantitativo, te la puoi raccontare quanto vuoi ma la fifa è fifa! Sto dando messaggi negativi? Niente affatto: ci sono passato personalmente e voglio raccontarti le cose come stanno. La via d’uscita c’è! Quando, davanti alla paura per una futura prestazione, pensi alla frase “Io ora ho il controllo”, chiediti: “Quanto la ritengo vera, da 1 a 7?”, dove 7 è completamente vera e 1 completamente falsa. Se la risposta è 1 o 2, per quanto tu possa ripeterti di essere pronto, quello che stai sentendo non e’ l’eccitazione del grande performer. Avvalendosi di una delle tecniche a mio parere più efficaci contro la paura e l’ansia da prestazione, l’EMDR, e’ possibile portare la tensione sotto un certo grado. Solo allora sarai pronto ad andare e, con la mente razionale, controllare le emozioni. E’ necessario utilizzare uno strumento adeguato che dia conferma al tuo bambino spaventato che ‘tutto e’ ok!’. Non grazie alla ‘potenza della mente’, ma attraverso una tecnica efficace, puoi accogliere la paura, rispettarla e darle il tempo di rielaborare le passate esperienze, predisponendoti positivamente verso il futuro. Buona performance! www.dottormiali.it

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299