Come curare l'ansia

2018-09-23 19:30:19

Chi soffre di disturbi d’ansia vive con una sensazione addosso quasi costante che qualcosa di brutto stia per accadere. Una sensazione di allarme continuo. Quando cerco di spiegare ai miei pazienti l’ansia (che loro conoscono benissimo ma di cui si chiedono l’origine e il perché non riescono a combatterla), utilizzo delle metafore. Una di queste è di essere affetti dalla sindrome della sentinella. Invito ad immaginare che dentro di loro ci sia una specie di sentinella costantemente attenta a che non arrivi il nemico. Anche rassicurandola che la guerra è finita, che puo’ deporre le armi e rilassarsi, lei non si fida perché pensa che ci sia sempre qualcosa da cui difendersi o qualche fregatura da parare. L’altra metafora è quella di un bambino spaventato che ha paura dell’acqua e che vuoi convincere a buttarsi in piscina. Per quanto tu possa rassicurarlo, dirgli che l’acqua è alta solo 30-40 cm e che non corre alcun pericolo, lui resisterà comunque con tutte le sue forze, sgambetterà e urlerà e non ne vorrà sapere delle tue rassicurazioni. Quando una persona soffre di ansia, in un primo momento cerca di rassicurarsi, ma la rassicurazione tuttavia dura ben poco e viene sostituita da un senso di impotenza e da un tentativo disperato di controllare i sintomi dell’ansia. Subentrano quindi l’autocritica e l’autocontrollo di cui l’autocritica porta a pensieri negativi su di sè (“non ho il controllo”, “non posso sopportarlo”, “sono debole”, “non posso avere successo”). Se invece e’ un amico o un parente a soffrire di ansia, riconoscerai che i tuoi importantissimi tentativi di rassicurazione, non hanno comunque avuto esito perché hai probabilmente smesso presto di rassicurare: non che la rassicurazione sia sbagliata; semplicemente ce ne vuole molta di più e ci vuole molta più pazienza di quella che le persone ritengono sufficienti. Chi non soffre di ansia o di depressione non si rende conto che le risorse della persona che soffre di questi disturbi sono scarsissime. Percio’ non basta una semplice rassicurazione per venirne fuori. Accade, quindi, che chi cerca di aiutare si sente presto incompreso e impotente. Rischiano di scattare cosi i giudizi: “Dovresti darti una mossa”, “Dovresti reagire”, “Perché non pensi positivo?!” La verità è che quando l’ansia raggiunge livelli patologici, il pensiero positivo non basta, né basta individuare le convinzioni limitanti e sostituirle con quelle potenziali. Questo è utile ma non sufficiente e spesso si traduce in una spennellata di bianco sulla muffa. Quando sulla strada del benessere c’è un grosso masso che occupa tutta la carreggiata, bisogna occuparsi del masso, armandosi di pazienza e accettazione. La psicoterapia offre validi strumenti, sia per la comprensione delle cause recenti e remote dell’ansia, sia per dare strumenti concreti per la sua gestione, attraverso tecniche di desensibilizzazione e rielaborazione dell’informazione. Se la tua sentinella pensa che non sia finita o se il tuo bambino interiore è spaventato chiedi aiuto, le soluzioni ci sono. http://www.dottormiali.it/videocorsi

Meriti amore?

2018-09-23 07:54:48

Se hai qualche dubbio ecco le cose da sapere per sapere se sei sulla strada giusta. www.dottormiali.it

Capi arroganti

2018-09-22 06:08:14

Consigli salvavita se il tuo capo è arrogante. www.dottormiali.it

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299