Perdonare per essere più felice e in salute

2018-09-10 13:19:36

Una delle emozioni più nobili ma che al tempo stesso fa elevare scudi e resistenze a protezione delle nostre ferite è il perdono. “Perdonare io? Assolutamente: quello non non se lo merita!”. “Dovrebbe provare lui quello che ho provato io”. “Che mi chieda scusa e poi ne discutiamo!” Sono le reazioni più comuni legati a questo tema. Con l’articolo di oggi definiremo cosa non e’ il perdono, per sgombrare il campo da alcuni ostacoli che impediscono a questo stato d’animo di farsi strada in ognuno di noi. In primis, perdonare non è un regalo a chi ci ha fatto un torto, ma è un dono che facciamo a noi stessi. Gli studi dimostrano che alla capacita’ di perdonare è associata una vita più felice e in salute. Perdonare non significa scusare l’altro: se provi rabbia a causa di una situazione subita, e’ quella l’emozione che ti devi permettere di sentire, fino in fondo. Accogliere e accettare la rabbia è il primo passo per riuscire poi a lasciarla andare. Alla fine di tutto, il perdono arrivera’ come un sentimento che ti liberera’ dalla sofferenza. Se pensi che il perdono equivalga a porre l’altra guancia o a dimenticare, non è così perche’ altrimenti non avresti imparato dall’esperienza. Perdonare ti farà guadagnare maggiore lucidità per dirigere le tue scelte e liberare energia per vivere la tua vita. Ed infine, non significa riconciliarsi con l’altro: potrai anche decidere di non frequentare più quella persona, non perché provi ancora rancore ma perché senti che il tempo con quell’individuo è concluso. Se l’altro ha sbagliato, vivrà le conseguenze dei suoi atti, ma questo non è incompatibile con la capacità di guardare con compassione colui che ha ancora un cammino da fare. Scegli di meritare tutta la serenità che il perdono potrà regalarti: impara a perdonare. www.dottormiali.it

Come godersi il percorso mentre raggiungi i tuoi obiettivi

2018-09-08 06:48:23

In tema di obiettivi si parla spesso di ‘stato presente e stato desiderato’. Lo stato presente è la condizione in cui sei, mentre lo stato desiderato è la condizione a cui aspiri. Obiettivi, obiettivi, obiettivi…: “Saro’ appagato quando…” Uno degli effetti collaterali di questo schema può essere la convinzione che la felicità arriverà solo quando avrai raggiunto la meta. Maggiore è la non accettazione, se non addirittura il disprezzo, per lo stato presente da una parte e la disperata attesa di un domani felice dall’altra, peggiore sarà lo stato d’animo che accompagnerà il tuo quotidiano. In questo modo, si crea un forte dislivello tra stato presente e stato desiderato, con la conseguenza di vivere il percorso con ansia e frustrazione. Ambire traguardi, una meta da realizzare, un sogno da conquistare, può farti svegliare la mattina con entusiasmo e motivazione, oppure, al contrario, può crearti angoscia al solo pensiero di dover fare una grande fatica. Possiamo decidere di abbassare l’asticella o di aumentare la qualità dello stato presente. Alcune persone non accettano di abbassare l’asticella : essendo molto ambiziose vogliono tenere alti i loro intenti. Come aumentare quindi la qualità del nostro presente? Quali sono gli ingredienti? Si chiamano accettazione, gratitudine, bellezza, gioia, fiducia, emozioni positive e sono in grado di aumentare il nostro grado di soddisfazione indipendentemente dal raggiungimento degli obiettivi. Anzi, valorizzando te stesso e coltivando la felicità nel quotidiano avrai più risorse per raggiungerli. Tre consigli, allora, per puntare alla tua crescita personale in modo smart. -Impara i segreti dell’accettazione, per non lottare inutilmente con quello che è già accaduto e trarne i giusti insegnamenti per il futuro. -Sii grato per quello che sei e già hai, soprattutto le cose che dai per scontate. Questo alleggerirà il tuo cuore e ti farà sentire ok per affrontare le tue sfide. -Infine, considera che non è tanto importante la meta che raggiungi, ma la persona che diventi affrontando il percorso. Buon cammino

Un metodo per gestire la paura, quando il coraggio non ne vuol sapere!

2018-09-07 06:30:05

www.dottormiali.it

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299