Psicoterapia dell'ansia. Nella mia attività di psicoterapeuta, in molti casi, le richieste hanno a che fare con la necessita' di curare l'ansia o imparare a gestirla. Molte di queste ansie sono da prestazione: parlare in pubblico, presentarsi ad un appuntamento, sostenere una prova d'esame o una prestazione sportiva. Persino godere dei piaceri della vita può diventare un problema: la difficolta' nell'andare in vacanza o nel mangiare in presenza di altri può essere più o meno associata a depressione, poiche' prima o poi ci si scontra col senso di impotenza. La psicoterapia ha lo scopo di rafforzare la personalità andando alla radice. Ma questo richiede tempo e pazienza, cosa non sempre compatibile con l'urgenza di voler risolvere il problema dell'ansia. Personalmente lavoro su un doppio livello: mentre agisco sulla fiducia, sull'attaccamento e sulla comprensione delle modalità di stare al mondo che vengono alla luce, metto la persona in condizione di governare le proprie giornate anziché esserne vittima. Una metafora per me efficace è la seguente. Immagina 2 palazzi di 10 piani. In cima al primo metti il problema e in cima al secondo ci sei tu che lo guardi di fronte: in questo caso la lotta è alla pari e la sfida e l'ansia sono affrontabili. Ma immagina che l'ansia cresca di 20 piani e che tu stia quindi osservando il problema dal basso verso l'alto: sentirai un senso di oppressione e l'incapacita' di affrontare la situazione. Immagina, adesso, di essere tu a crescere: vedrai la difficolta' dall'alto verso il basso e cio' che prima ti sembrava insormontabile potra' essere affrontato da una posizione di forza ed attenzione. Non sto ipotizzando di rendere l'ego ipertrofico, ma di accompagnare una crescita vera, fatta di autenticità, di accettazione, di gratitudine, di presenza, di amore. Indubbiamente una bella sfida. Il mio approccio ai clienti e' questo: per i primi mesi lavoro per annullare il ricordo negativo di eventi del passato. A questo punto l'ansia per l'avvenire è più gestibile, perché ripulita dai fantasmi di cio' che e' accaduto. Poi si affronta il futuro, ma la tensione di fronte a una sfida sarà associata sempre meno alla debolezza e sempre più alla forza di chi si sente pronto. Attenzione, però! Non puoi fare a meno di agire concretamente l'esperienza: infatti una battaglia vinta dà molta più fiducia di una qualsiasi vittoria solo immaginata o sperata. Buon cammino.

Per le donne di Cam.Tv, ma potrebbe far riflettere anche molti uomini. www.dottormiali.it

In questo video Gabriele Visintini esorta i Camers - NOI TUTTI - a pubblicare contenuti di valore, utilizzando il criterio dell'utilità verso gli altri. Manca solo un ultimo mese al momento in cui si potrà scegliere chi seguire, ma anche se la valutazione di una utilità può essere molto soggettiva, ritengo che porsi la domanda: QUALE VALORE DARO' pubblicando questo contenuto, sia una prassi che valga la pena di ricordare.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299