Critica e autocritica. Quando il giudizio ti corrode.

2018-09-17 04:57:58

http://www.dottormiali.it/videocorsi Sei assillato dall’autocritica? Essendoci passato so che non è una condizione carina in cui vivere… E’ come avere un genitore, dentro la tua testa, che continuamente ti punta il dito, che ti dice che non sei abbastanza, che potevi fare di meglio etc etc. La condizione è nota in tutto il mondo: Freud lo chiamava Super-Io. In America questa dinamica tra tiranno interiore e vittima l’hanno chiamata top dog-under dog. Il top dog è l’accusatore, il down dog fa la vittima e acconsente alle critiche, frustandosi in continuazione finchè non si sente un po’ meglio ritenendo di aver pagato il giusto per essere stato “cattivo”. Un’evoluzione positiva è la ribellione, ma non se è contro te stesso: la ribellione verso un genitore è positiva in quanto un adolescente diventa finalmente libero di andare per conto suo. Quando il gioco è tutto nella tua testa, invece, ti ribelli a te stesso, proprio come un cane (il top dog, direi) che si morde la coda. Oggi ti voglio parlare di una cosa alla cui non avresti pensato, ossia andare alla radice del problema. Per farlo ti invito ad immaginare di essere in una sala cinematografica, seduto tranquillo in poltrona, e di vedere proiettato un bellissimo paesaggio. Solo che la proiezione è disturbata perchè nel bel mezzo dello schermo c’è una grossa macchia… A questo punto tu cominci a pensare che il cinema faccia schifo, che non sia ammissibile che ci sia una macchia sullo schermo. Ora immagina per un momento che quella macchia non sia colpa dello schermo, ma della lente attraverso la quale passa la luce… E’ esattamente ciò che avviene di solito: guardiamo il mondo e non riconosciamo che quello che non accettiamo viene da noi stessi, dalla nostra lente, che condiziona quello che vediamo a causa dei nostri filtri percettivi. E proprio questa l’intolleranza, il giudizio – a volte silenzioso – che diamo verso gli altri a tradursi in una grossa zappa sui piedi, perchè meno accettiamo gli altri, meno accettiamo il mondo esterno, e più saremo critici anche verso noi stessi. Immagina come sarebbe creare uno spazio in cui l’altra persona ha diritto di dire le cose dal suo punto di vista, tu dal tuo, ed entrambi avete diritto di parola. Non sarebbe bello creare uno spazio di comprensione e amore reciproco, e più in generale creare un mondo con più accettazione? Pensaci: vedrai che accettando maggiormente gli altri accetterai maggiormente anche te stesso, dando finalmente un bel bye-bye all’autocritica e godendoti, finalmente, il percorso.

Quanto manca alla vetta?

2018-09-16 14:27:37

Tu sali e non pensarci. http://www.dottormiali.it/videocorsi

Crescita personale. Il libro.

2018-09-15 13:18:15

La capacità di accettare il presente ed essere grati è compatibile con la capacità di raggiungere i propri obiettivi e godersi il percorso della crescita personale. http://goo.gl/PhlrhX http://www.dottormiali.it/videocorsi

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299