Bologna e la nascita della musica strumentale

2020-05-15 08:18:50

Proseguiamo nel racconto di come la città di Bologna sia stata una delle principali culle della nascita della musica strumentale, e ci facciamo aiutare dalle bellissime immagini della Cappella Musicale di San Petronio, vera e propria fucina di importantissimi musicisti.

Chiudo per ora questa breve serie di video dedicati alla danza antica con le parole di Letizia Dradi, danzatrice specializzata in danze del Rinascimento e del Barocco ed esperta studiosa dei trattati di danza dell’epoca. Letizia Dradi è una delle massime esperte italiane in tale ambito, spesso invitata anche all’estero come docente e relatrice. Questo viene reso ancora più evidente dalla piacevolezza con cui riesce a rendere vicine a noi, con parole semplici e attuali, delle danze risalenti a un’epoca tanto lontana. È sempre un enorme piacere lavorare con lei, e mi auguro che anche per voi sarà un piacere ascoltarla.

Sempre dallo spettacolo de La Rossignol, una danza cinquecentesca, la cascarda “Chiara Stella” di Fabrizio Caroso, descritta ne “Il Ballarino”, uno dei più celebri e importanti trattati di danza dell’epoca. Notiamo qui l’uso di bellissime maschere, che durante le feste venivano spesso utilizzate per dissimulare giocosamente la propria identità. Notiamo anche come, rispetto agli abiti quattrocenteschi, dall’eleganza molto più sobria, quelli cinquecenteschi inizino a presentare un uso di stoffe elaborate e di ornamenti più appariscenti, sia negli abiti femminili che in quelli maschili.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19