Detergenti per la persona In questi anni le aziende che producono detergenti per la persona, con prodotti bio o naturali, sono fortunatamente in aumento, hanno una percentuale minima di allergeni, cioè 0,1 PPM, per me lo 0,5 PPM è già troppo ( vale a dire parti per milione) sono testati per il nichel, cromo e cobalto, senza questi prodotti io non potrei lavarmi. Prima che la mia allergia si facesse vedere e sentire, usavo i detergenti comuni; se andate a vedere un qualsiasi prodotto per la persona che avete in casa, il secondo ingrediente che troverete scritto è il Sodium laureth sulfate (SLES) o Sodium lauryl sulfate (SLS) due tensioattivi altamente sgrassanti, pulisce troppo a fondo togliendo anche la barriera naturale della pelle: a me causava bruciore come se mi fossi lavata con la candeggina. I prodotti che vedete in foto, a parte il primo a sinistra, è la prima volta che lo provo, di solito non cambio se mi trovo bene, ma sono una donna e a me piace cambiare, faccio un po’ da cavia, se mi brucia so che non va bene. L’ho provato ovviamente e lascia le mani morbide. Consiglio: per chi come me lava i piatti a mano, usate sempre i guanti, io non sopporto quelli con dentro la polvere, anche quelli mi irritano. Nelle pubblicità fanno vedere che lavano i piatti senza protezione, poi dicono che il loro detersivo è ancora più sgrassante, ecco sgrassano anche la pelle e vi ritrovate con un problema. Avete trovato l’ingrediente? Fatemi sapere

Oggi nuovo post interessante, a più tardi bella gente.

Cominciamo la raccolta delle zucche, prenotabili, prezzo 1€ al kg. Ovviamente in Lombardia.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53