Contact form
Contact me through this form
 
 
 
 
 
 

Scan the QR code to enter the data into your contact list

Facebook Pixel inserted.
Content not visible to other users.
Personal information
 
 
 
 
 
 
 
Links to social networks
 
 
 
 
 
 
Which function should this button trigger?
This option will only be visible to users who are not logged in. Use it to invite your visitors to register.
Enter the sharing link to a resource on Google Drive or Dropbox. Users who click on this button will download your resource directly.

    Facebook Pixel is a string of code you get through the Facebook help desk (watch the tutorials, receive the Pixel ID and enter it in the field below). Once added in the article or in the info of the channel it allows you to keep track of the views, directly from the dashboard of your Facebook account.

    I Neuroni della Felicita? La felicità è dentro di noi: I Neuroni Gandhi
    da sapiens a felix

    Thematic Channel

    da sapiens a felix

    I Neuroni della Felicita? La felicità è dentro di noi: I Neuroni Gandhi

    Ma che cosa centra Gandhi con le neuroscienze e con la felicità? Ho sempre sostenuto che la felicità è la consapevolezza della propria responsabilità.Tu, come tutti, sei una persona respons-abile quando sai affrontare e superare con successo, le prove che la vita quotidianamente ti propone.

    La consapevolezza dell'autoefficacia

    La struttura portante sulla quale puoi costruire la tua responsabilità si chiama auto-efficacia che è la fiducia in te stesso, frutto della consapevolezza di quelle che sono le tue vere doti e anche di quelli che sono i tuoi veri limiti.


    Grazie a questa consapevolezza avrai la possibilità di sviluppare sempre più le tue potenzialità, migliorando quelle che sono le tue doti ed imparando a superare i tuoi limiti.


    Il tuo limite invalicabile che accomuna tutti gli esseri umani e che nessun essere umano è mai stato, e mai potrà essere onnipotente, anzi viene quasi da chiedersi come mai la specie umana sia riuscita a sopravvivere da quando, forse oltre 4 milioni di anni fa sono comparsi i nostri più lontani progenitori.


    Ma come l’essere umano sia riuscito a trasformare questo limite in un vantaggio ce lo stanno spiegando le neuroscienze.


    Tutte le specie animali hanno una qualche loro specifica caratteristica che garantisce la loro sopravivenza: i predatori sono forti, veloci e hanno micidiali armi naturali, mentre le prede il più delle volte si accontentano di essere molto prolifiche, in altri casi tengono lontano il predatore con le loro dimensioni, oppure sono più veloci del loro stesso predatore, in modo tale da riuscire a fuggire nella maggior parte dei casi.


    Ma lessere umano non ha nessuna di queste doti e allora come ha fatto a sopravvivere? Come ha fatto a superare questi limiti naturali?

    Qual'è il vantaggio competitivo dell'essere umano?

    La risposta la sanno anche i bambini delle elementari: lessere umano è intelligente.


    Certo, ma come ha fatto a diventare intelligente? In quegli anni ancora non era possibile comperare le lauree.


    Il come, ancora non lo si è capito, ma con che cosa, sembra proprio di si!


    L’essere umano, quasi certamente è diventato intelligente sviluppando nel suo cervello, in modo particolare, un piccolo nucleo di neuroni che hanno reso l’uomo, come diceva Aristotele, un animale politico: un animale fatto per vivere in comunità.


    Questo piccolo gruppo di neuroni, che fanno parte del nucleo dei neuroni specchio, ha permesso all’essere umano di sviluppare:

        

    •     la     capacità di sentire”     le emozioni dell’altro,     che potremmo chiamare “partecipazione“,

          
    •     la     capacità di riconoscere”     le necessità dell’altro come proprie,     che potremmo chiamare “condivisione”     e

          
    •     la     capacità di operare”     con l’altro alla soluzione del problema comune che     potremmo chiamare “cooperazione

    I neuroni dell’empatia, i neuroni dell’altruismo, o come li chiama Ramachandran Vilayanur, il neuroscienziato che li ha individuati i neuroni Ghandi.


    Fiducia in se stessi e negli altri, partecipazione, condivisione, cooperazione: tutti gli strumenti della respons-abilità, le potenti e pericolose armi della felicità sono già dentro di te, e solo tu puoi decidere di usarle per essere felice, o lasciarle inutilizzati isolandoti in una più o meno solitaria infelicità.


    Nel video, che ho avuto l’onore e il piacere di tradurre, la spiegazione fatta dallo stesso Ramachandran Vilayanur di come operano i neuroni dell’empatia: i neuroni Gandhi.


    N.B. se sullo smartphone i sottotitoli in italiano non partono in automatico li puoi attivare così : metti in pausa il video e clicca sui tre punti verticali sull'angolo a in basso a destra del video e poi scorri fino a trovare Italiano, selezionalo e fai ripartire il video

    Contact form
    Contact me through this form
     
     
     
     
     
     
    received from:
    This site uses third-party cookies to improve your experience and provide services in line with your preferences. By closing this banner, scrolling this page, or clicking on one of its elements, you consent to the use of cookies.

    Oppps...

    I can’t load the resource