Gli scienziati scoprono nuove colonie di pinguini dallo spazio

Grazie ad un nuovo studio che utilizza la tecnologia di mappatura satellitare, i ricercatori hanno scoperto che ci sono quasi il 20% in più di colonie di Pinguini imperatore in Antartide di quanto si pensasse in precedenza.

Questi risultati forniscono un importante punto di riferimento per monitorare l'impatto del cambiamento ambientale sulla popolazione dei pinguini.

I ricercatori hanno trovato 11 nuove colonie, tre delle quali sono state precedentemente identificate ma mai confermate. Questo porta il censimento globale a 61 colonie in tutto il continente.

I pinguini imperatore hanno bisogno di ghiaccio di mare per riprodursi e si trovano in aree che sono molto difficili da studiare perché sono remote e spesso inaccessibili con temperature fino a -50 C. Negli ultimi 10 anni, gli scienziati del British Antarctic Survey (BAS) hanno cercato nuove colonie cercando le loro macchie di guano sul ghiaccio.

I pinguini imperatore sono noti per essere vulnerabili alla perdita di ghiaccio marino, il loro habitat di riproduzione preferito. Con le attuali proiezioni di cambiamento climatico, questo habitat è probabilmente in declino. La maggior parte delle colonie appena ritrovate si trovano ai margini dell'areale degli imperatori. Pertanto, queste zone sono suscettibili di essere perse a causa del riscaldamento del clima.

Anche se è una buona notizia il ritrovamento di queste nuove colonie, i siti di allevamento si trovano tutti in luoghi dove le recenti proiezioni di modelli suggeriscono che i pinguini imperatori diminuiranno.

Gli uccelli in questi siti sono come i 'canarini nella miniera di carbone': la loro osservazione mostra come il cambiamento climatico influenzerà questa regione.

Lo studio ha trovato un certo numero di colonie situate al largo, situate sul ghiaccio marino che si è formato intorno agli iceberg che si erano arenati in acque poco profonde. Queste colonie, fino a 180 km al largo, sono una nuova scoperta sorprendente nel comportamento di questa specie sempre più nota.

Quindi la scoperta satellitare di queste nuove colonie rivela sia buone che cattive notizie per i pinguini imperatore.

fonte:

https://zslpublications.onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1002/rse2.176