L' ALCOOL DIPENDENZA È UNA MALATTIA,GUARIBILE    https://www.cam.tv/ognibene?shun=ognibene   GUARIRE LE DIPENDENZE


ALCOOLDIPENZA

La dipendenza da alcool è un fenomeno che colpisce una parte dei consumatori di alcolici,dopo un periodo di abuso più o meno lungo.Questa dipendenza è caratterizzata dall'impossibilità di smettere di bere,anche quando la persona,si rende conto che la sostanza,in questo caso le molecole di alcool etilico,creano gravi problemi. In altre parole, una persona che ha sviluppato la dipendenza, diventa schiava dell'alcool e impossibilitato a controllarlo. Se all’inizio pensava di poter smettere,quando voleva e di poter gestire l’alcool a suo piacimento,diventa consapevole che la sola forza di volontà è insufficiente. A questo punto è l’alcool che controlla la persona e non viceversa.


Vizio o malattia

Ancora oggi,in molti casi,un squilibrato rapporto con l’alcool,viene definito un vizio. La persona con questi problemi,viene erroneamente considerata pigra nella volontà,indegna, con voglia di trasgressione. Oggi, grazie alle ricerche mediche e all’esperienza clinica, sappiamo invece che la dipendenza è una vera e propria malattia che, a un certo punto del processo di alcolizzazione, aggira la consapevolezza e la volontà di una persona, spingendola a bere al di là di ogni logica, contro il suo stesso interesse, con modalità quasi automatiche.L’Orgnizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riconosciuto, già da molti anni, l’alcoldipendenza come una vera e propria malattia.

Come si manifesta la dipendenza alcolica?Possiamo dire che una persona ha sviluppato una dipendenza alcolica,quando presenta almeno tre o più dei seguenti sintomi:

Bisogno di dosi sempre più elevate di alcool, per raggiungere l'effetto desiderato.Si crea l'aumento della tolleranza o assuefazione.


Comparsa di malessere fisico e/o psichico,se la persona non può bere o si sforza di non farlo. Questo malessere,viene definito sindrome di astinenza.


Impossibilità di controllarsi quando si inizia a bere.


Desiderio persistente della sostanza e impossibilità di ridurne l'uso.


Continua ricerca dell’alcol, che diventa un’ossessione al punto da occupare gran parte della vita del bevitore.


Compromissione di attività lavorative, ricreative e di  contatti sociali, a causa dell’abuso.


Persistenza del bere nonostante il bevitore si renda conto delle conseguenze negative fisiche, psichiche e sociali che ne derivano.Se con il  testo,appena letto,vi passa nella mente e nel cuore,persona conosciuta,sappiate che è possibile migliorarli la vita.Determinati diabetici,hanno bisogno dell'insulina,altre tipologie di malattia,necessitano di specifiche medicine.L' alcoolismo,come malattia anche lui necessita,le sue medicine.Una malattia che invece di farvi spendere,tanti soldi in medicine,la cura farà risparmiare,al paziente una fortuna.La cura è priva di farmaci,nella cura,viene trattata la persona,nella sua totalità.L'inizio cura è l'astinenza accompagnata.Con essa vengono,affiancate nuove riprogrammazioni cellulari.Il mantra,"dentro cielo azzurro,fuori cielo grigio,ci trasformera',delicatamente in persone felici.Ad ogni nostro,cambio di stile di vita,ad ogni nostro cambio comportamentale positivo,acquistiamo forza fisica,mentale e spirituale.Nel caso dell'alcolista,ci sono ripetizioni abitudinarie croniche,da eliminare.Nell'eliminare qualche cosa,si crea un vuoto.In questo vuoto,risiedono le emozioni sofferenti.Si manifestano nel vuoto,per identificarsi meglio,per insegnarci e renderci consapevoli dei fatti,catalogati,giudicati negativi.Un lavoro in noi stessi che sarà Eterno.Strappare dal vivere,abitudini nocive,inserendo nei vuoti,comportamenti,modelli e stili nuovi di vita.Ricchi di felicità e energia sacra,con la riprogrammazione cellulare di 21 giorni e tante altre tecniche vincenti,se messe in pratica con Sincerità,Costanza,Volontà e Amore.Sono a disposizione,per ulteriori informazioni.Credo in un mondo migliore,privo di abusi.


Ognibene da Trieste

INSEGNARE A INSEGNARE

La conoscenza,per risolvere problemi alcoolcorrelati,grazie alle nuove tecnologie,a internet a qualche clic e tanto Amore.L'obiettivo di mettere in contatto,persone che direttamente o indirettamente,hanno nel loro vivere,a che fare con la bestia"alcool".Meglio si conosce,la malattia"alcoolismo",più salgono le probabilità,per debellarla.La buona notizia è che si può uscire dal tunnel dell'alcooldipendenza e nel frattempo,dirsi,ma perché ho perso tanto tempo prezioso,prima di iniziare il mio percorso..Tempo=Vita.L'alcoolismo riduce la qualità,il valore della Vita.Tutto questo indebolimento sociale,come l'abuso di alcool,sigarette,gioco d'azzardo e altre dipendenze,messe a portata di mano,hanno le ore contate.Tanti alcoolisti nascosti,nelle loro vergogne,continuano a lottare invano.Casalinghe,maestre,operai,docenti, avvocati,medici,politici,l'abuso di l'alcool è privo di distinzioni,vince sempre!E se metticaso,credi di vincere da solo,l'alcoolismo,ti ritroverai pieno di aspettative fallite.Gli alcoolisti,sono persone del gruppo"non so bere".Questo gruppo ha una sua naturale evoluzione,grazie la pratica giornaliera dell'astistenza,in"io ho piacere di restare astinente".Il secondo gruppo,chiaramente è quello del"sono un bevitore occasionale,consapevole".La differenza,tra i gruppi è abissale,ma nel framezzo di questo abisso,ci sono le infinite sfumature di grigio.Nel gruppo"so bere",ci sono  tutte quelle persone che sentono,conoscono,amano se stesse e rispettano,i propri limiti.Ho detto tutto!Che persone,fanno parte del gruppo"quelli che non sanno bere"?Il sistema attuale,tende ad avvicinare,più persone possibili al primo gruppo?

Una affermazione che avrà,tanti oppositori.Un alcolista,"può"essere una persona che beve il solito bicchiere,durante i pasti.Perche?Toglieteli il solito bicchiere e osservate.Nella frase,ho inserito la parola "può"e questo può,identifica una piccolissima percentuale di persone che se metticaso,si ritrovano privi del solito bicchiere e questo diventa difficile,perché calcolatori,nelle scorte(ma quanti barili,fanno fuori nella vita,però a pasti eee..a stomaco pieno).Ma quando succede,la dimenticanza,dell'acquisto,prima di pranzo,la domenica puoi trovarli in cerca di negozi aperti.Sotto la pioggia,senza ombrello,con il vento forte,svestiti,magari in ciabatte,presi dall'ansia e foga a cercare il bere.In quell'occasione,ha poca importanza,se trovano la loro bevanda preferita.L'importante,invece è trovare molecole di alcool che operano,nella psiche e nell'organismo.Troviamo le stesse dinamiche,delle persone come ero io,sapevo quando iniziavo a bere,ma la fine,restava ignota.Spesso trascorrevano due,tre giorni,con più ubriacate,giornaliere oppure costanti.Le conoscenze che sto trasmettendo,sono e saranno tutte confermate,da operatori,psicologi e enti interessati alla problematica.La distinzione,dei due gruppi di consumatori è importante.In un gruppo,ci sono persone con autocontrollo.Riescono a mantenere,la sensibilità,la lucidità che al bicchiere di vino,di birra o altro,appena finito,mettono in pratica il loro volere.Caschi il Mondo,ma quando decidono una cosa,quella è.Sara'il loro secondo o quarto bicchiere,ma saranno loro a mantenere le redini,sentirsi e decidere,quando è l'ultimo bicchiere,quello giusto in armonia,in equilibrio,in consapevolezza.Tematiche diverse e complesse,subentrano con le persone del gruppo"il bere alcolici provoca cambiamenti comportamentali,sgradevoli".Il progetto,sarà realizzato,con l'aiuto di persone sensibili,alla problematica.Ha lo scopo di insegnare ad insegnare,all'infinito a persone,gruppi,la soluzione definitiva,nei confronti delle dipendenze da sostanze alcooliche.Insegnare la consapevolezza che nel mondo,vivono tante persone come parenti,amici,conoscenti con questa malattia.In questo lavoro,si diventerà"pescatori di uomini".In appoggio del progetto,veranno a donare i consigli e la loro esperienza persone,dottori e enti giuridici.Credo che tante persone,afronterebbero meglio la problematica,attraverso internet.Il mettersi in discussione a casa,dietro a un monitor in webinar,per un oretta,inizialmente sarebbe un aiuto in più,per titubanti,timidi e riservati.I webinar,avranno inizio,dopo aver raggruppato delle persone interessate alle tematiche.Ognibene da Trieste

Ho piacere,di ettichettarmi"ALCOOLISTA",con addosso diciassette anni di totale astinenza.Ho ancora paure di ricominciare a bere,per questo motivo mi definisco ancora un'alcoolista?Ho lavorato poco,su me stesso per affermare queste definizioni?Dopo quattro ritiri della patente,per guida in stato d'ebbrezza,dopo diciassette mesi di riunioni,gruppi,corsi,didattiche,nel centro di alcologia di Trieste,dopo sette anni di gruppi esterni di autoaiuto con l'associazione Astra,grazie a Angeli Terreni(persone consapevoli,della loro missione d'aiuto) e la continua energia,nel territorio,affermo la conoscenza del come uscire,dalla dipendenza da sostanze alcooliche.Continuo nel presente eterno,a ringraziare la Matrice del Tutto,di avere la coscenza,priva di lutti,danni lievi e gravi,causati dal mio agire,condizionato da sostanze alteranti.Ognibene dal Territorio Libero di Trieste.