Mantra Yoga

Yoga & Discipline Orientali

Come ottenere risultati Concreti e Misurabili con il mantra

2021-03-24 16:12:15

Praticando in modo corretto il Mantra Yoga, utilizzando un mantra autorizzato ed efficace, i risultati ci saranno e anche in tempi relativamente brevi.

Mi capita sempre più spesso di trovare persone che recitano mantra da molti anni e sono completamente scoraggiate perché non ottengono i risultati che speravano di ottenere.
Altri sono arrivati al punto di abbandonare la pratica ritenendola troppo complicata o onerosa per i loro ritmi di vita. Altri ancora non iniziano nemmeno perché hanno paura di non farcela e poi perché tutto sembra difficile e poco scientifico.
Purtroppo, il vero problema è che molti guru improvvisati si mettono a dettar legge su un argomento che invece è già stato presentato nella sua forma perfetta migliaia di anni fa, dai rishi dell’antica civiltà vedica.
La realtà è che se si pratica in modo corretto il Mantra Yoga, utilizzando un mantra autorizzato ed efficace, i risultati ci saranno e anche in tempi relativamente brevi.
Se qualcuno però pretende di mettersi seduto, recitare un mantra distrattamente e magari anche un po’ controvoglia, mentre sonnecchia, e si aspetta che bussi alla porta qualcuno a dargli un assegno da un milione di euro, allora capisci che così non può funzionare!
Praticare la recitazione di mantra secondo gli insegnamenti dei testi vedici:

  • è facile, divertente ed entusiasmante
  • non costa praticamente niente
  • può prendere poco tempo al giorno, anche solo 15 minuti
  • non obbliga ad accettare nuove credenze o credo religiosi
  • non impone alcuna regola od obbligo culturale di nessun genere

Lo saprebbe fare con successo anche un bambino, e infatti molti bambini e ragazzini usano i mantra ottenendo grandi risultati, specialmente in campo scolastico e nelle relazioni.
Il fatto è che alcuni liquidano la pratica del Mantra Yoga come un sistema semplicistico e poco efficace, da faciloni e creduloni diciamo, perché non capiscono la scienza che si cela dietro quest’arte millenaria.
Non capendola perdono un’occasione importante perché i mantra autentici sono molto potenti e fanno compiere salti da gigante sia se hai qualche problema specifico da risolvere, sia se vuoi semplicemente potenziare capacità o caratteristiche che già hai.

Ecco perché i mantra funzionano

In base alla psicologia vedica la mente è solo uno strumento a disposizione del vero sé, l’anima: non siamo la mente, ma la usiamo per interagire con il mondo esterno.
Ma la cosa più importante da sapere è che secondo i Veda la mente è totalmente in balia dell’inconscio, ossia delle informazioni nascoste in uno strato della nostra memoria che non è accessibile alla mente conscia.
Purtroppo, il fatto che la mente conscia non vi abbia accesso non lo rende meno efficace, anzi. Ciò che sta nell’inconscio innesta una specie di pilota automatico nella nostra vita che guida le scelte che invece noi crediamo di fare liberamente.
Ovvero, nell’inconscio è scritto il nostro destino ed è in questo senso che è proprio vero che “la nostra vita è predestinata, già scritta”.
Puoi desiderare razionalmente un vita più felice e prospera, ma se è scritto il contrario nell’inconscio non avrai vita facile!

La nostra vita è già scritta fintanto che non ci prendiamo la briga di riscriverla


Fatti scientifici che confermano i Veda

Non tanto perché io senta il bisogno di convincerti a qualsiasi costo, ma perché io stesso quando ne sono venuto a conoscenza sono rimasto a bocca aperta.
Oggi questa antica conoscenza è stata verificata in modo inequivocabile da ricercatori di prim’ordine in tutto il mondo.

L’inconscio è il pilota automatico del cervello

John-Dylan Haynes (1971), nel 2008, durante una ricerca durata diversi anni al Centro Bernstein di Neuroscienze di Berlino, ha potuto determinare con esperimenti scientifici che l’attività cerebrale che presiede al movimento si può attivare fino a 10 secondi prima che le persone decidano di fare consciamente quel determinato movimento.
E la decisione di prestare maggiore attenzione o meno a certi argomenti è inequivocabilmente filtrata dall’inconscio. “La mente cosciente non è libera,” conclude Haynes… “Ciò che chiamiamo Libero Arbitrio è qualcosa che si trova in realtà nel subconscio” (fonte, pubblicazione su Newscientist).

L’inconscio si attiva prima della mente conscia

In uno studio sperimentale del 1983 ormai riconosciuto in tutto il mondo, il dott. Benjamin Libet ha concluso: “Il cervello ‘decide’ di iniziare o di predisporre l’inizio di un’azione prima che vi sia qualsiasi consapevolezza soggettiva e riferibile che tale decisione ha avuto luogo.
Si può concludere che l’inizio cerebrale anche di un atto spontaneo e volontario può iniziare e solitamente comincia inconsciamente.”
Questi studi sono stati poi ripresi e confermati nel 2010 da Anna Berti, esperta di neuropsicologia della coscienza (fonte, Neuropsicologia della coscienza).

Prestare attenzione ed essere consapevoli non sono la stessa cosa

Si tende a pensare che se uno presta attenzione a qualcosa allora ne è consapevole, ovvero sa che lo sta facendo.
Invece non è per niente così, infatti alcuni ricercatori del Duke-NUS Graduate Medical School di Singapore e del MIT hanno potuto verificare che l’attenzione verso un particolare evento viene diretta anche se la consapevolezza è impegnata in tutt’altro.
Ovvero, là sotto c’è qualcuno o qualcosa che decide comunque, anche se non c’è consapevolezza!

Il ricordo svanisce, ma l’emozione resta

Un esperimento condotto da ricercatori dell’Università dell’Iowa diretti da Justin Feinstein ha dimostrato che anche se il ricordo di un certo evento svanisce completamente (testato utilizzando persone affette da dimenticanze croniche) l’emozione collegata rimane impressa ed efficace molto oltre il ricordo.
Ciò dimostra che l’inconscio registra le emozioni e “le usa” nonostante la mente cosciente non sia nemmeno in grado di recuperarne il ricordo.

Paure e ricordi traumatici si possono cancellare

Con un esperimento molto complesso, prima sui topolini e poi sugli esseri umani, Elizabeth Phelps della New York University ha dimostrato scientificamente che i ricordi traumatici e le emozioni associate possono essere cancellati o meglio sostituiti con impressioni positive.
Se è già nell’inconscio ormai è tardi ma entro 6 ore dall’evento oppure entro le 6 ore dal ricordo cosciente dell’evento è possibile riscrivere l’esperienza con una positiva, come se si stesse sostituendo un file nel computer. (fonte, pubblicazione su Nature).

Si può fare qualcosa di pratico per rimuovere i blocchi e le mappe errate nel nostro inconscio.

Quando le emozioni e le esperienze sono ormai fissate nell’inconscio l’antica civiltà vedica usava la meditazione e in particolare il Mantra Yoga per farle riemergere e dare quindi l’occasione al praticante di rimuoverle.

Il Mantra Yoga produce effetti fisici sul nostro cervello?

Due mesi di meditazione producono effetti visibili sul cervello: secondo uno studio del Massachusetts General Hospital la meditazione protratta per almeno otto settimane produce effetti benefici associati alla memoria, all’empatia e allo stress.
Britta Hölzel, coautrice della ricerca, afferma che: “la densità della materia-grigia nell’ippocampo è aumentata alla fine del percorso e proprio l’ippocampo, ricordiamo, è la ‘cabina di regia’ di apprendimento e memoria”. (fonte, pubblicazione su Psychiatry Research: Neuroimaging, leggi anche lo splendido libro Meditazione, psiche e cervello)

Meditare toglie il dolore

Una ricerca condotta da Paul Goolkasian della University of North Carolina ha dimostrato che anche per i principianti che praticano da pochissimi giorni, le tecniche di meditazione hanno prodotto reali effetti analgesici paragonabili a quelli dell’aspirina.
Dopo l’esercizio della meditazione la sensibilità al dolore si attenua  di molto (fonte, Journal of Pain). Quindi non solo effetto placebo, ma vere e proprie modifiche fisiche nella materia grigia.
Queste sono solo alcune delle ricerche e forse non sono nemmeno le più significative. Non sono un esperto del campo, come sai sono architetto e non neuropsicologo, ma se fai delle ricerche anche tu troverai moltissimo altro materiale.
Quindi riassumendo:

L’inconscio è il pilota ma noi possiamo riprogrammarlo

A mio avviso non esiste tecnica migliore al mondo del Mantra Yoga per fare esattamente questo: riprogrammare l’inconscio affinché non ci impedisca di realizzare i nostri obiettivi di benessere in qualsiasi area della vita.
Dico qualsiasi area perché molti pensano che il Mantra Yoga sia una pratica da religiosi che non ha nulla a che vedere con la vita di tutti i giorni. Una specie di meditazione utile solo ad avere esperienze mistiche.
Questo è completamente falso! Il Mantra Yoga non appartiene ad una religione ma è un sistema scientifico per penetrare nella cabina di regia nascosta e rimuovere le convinzioni e le credenze limitanti facendo emergere il nostro vero sè.
E questo avviene con risultati concreti e misurabili, in termini di più amore, più felicità, più relax, più abbondanza, ecc. 
Non vuol dire solo che si impara a stare tranquilli e ad accontentarsi. Una volta che ci si allinea col vero sé avvengono dei veri e propri miracoli.
Immagino che a questo punto della storia anche tu, come molti altri, stia pensando qualcosa del tipo:

“Quindi basta solo recitare un mantra e si sistema tutto?”

Non è tutto così facile, all’inizio c’è un momento magico di entusiasmo iniziale che rende tutto molto più efficace, si vedono risultati immediati.
Poi purtroppo si cede all’abitudine e alla noia e nel tempo molte persone abbandonano questa potentissima pratica ritenendo che non dia risultati concreti.

Il problema non è solo la pratica in sé, è come si pratica la pratica che conta!


E non sto parlando di regole e regolette, o liturgie laboriose, ma di semplici accorgimenti per rendere molto più potente la recitazione dei mantra, qualsiasi sia il mantra che si è scelto.
Eh sì, una volta ottenuti i primi risultati, vogliamo procedere in questa strada che ci sta aprendo infinite possibilità di crescita.
Ecco perché ho deciso di mettere nero su bianco le informazioni base per poter iniziare a praticare il mantra yoga.

La guida “Mantra Yoga per principianti”

Una guida essenziale che si legge in poco tempo e si mette in pratica in pochi minuti al giorno in cui ti rivelo solo ed esclusivamente ciò che è veramente funzionale ed efficace per la recitazione di qualsiasi mantra. 
Ecco nel dettaglio cosa contiene “Mantra Yoga per Principianti”:

  • Tutto ciò che serve sapere sul funzionamento della coscienza e i meccanismi inconsci
  • L’importanza della cura del corpo secondo i Veda e perché rende più efficaci i mantra
  • I 3 tipi di Mantra Yoga e come sono collegati ai meccanismi dell’inconscio
  • Tutti i dettagli su come scegliere il tipo di Mantra Yoga che ti si addice
  • La sequenza di recitazione perfetta spiegata passo passo, affinché rispetti i tuoi tempi giusti
  • L’ingrediente segreto che non deve mai mancare: scordalo e il tuo Mantra Yoga va a farsi benedire!
  • La tecnica del Mala per aumentare la concentrazione 
  • I 4 mantra vedici per eccellenza, come e quando usarli
  • Un famoso mantra cristiano in aramaico
  • Tutti i dettagli per scegliere correttamente il numero di recitazioni ideale per te
  • 4 audiotraining in cui scoprirai la pronuncia e la cadenza esatte dei 4 mantra vedici 
  • I mantra scritti senza simboli strani, facilmente comprensibili e leggibili anche da un ragazzino
  • Traduzione e spiegazione del Mantra Gayatri, il Mantra di Ganesh, il Mantra dell’Amore, il Mantra di Protezione e il Mantra cristiano.
  • Come scegliere il tuo mantra in base agli obiettivi che desideri raggiungere 
  • Come raggiungere l’inconscio e riscrivere il proprio destino con i mantra


Non preoccuparti, non è uno scritto voluminoso che ti sfinisci a leggere e poi non ricordi nemmeno l’inizio.
Scritto con uno stile asciutto e diretto, ha come unico scopo quello di darti strumenti pratici e di immediata applicazione per rendere i tuoi mantra efficaci sempre!
Quindi, fra poco lo leggi e cominci già domattina ad applicarlo. Semplice e diretto!
Molti mi scrivono dicendomi che questa guida dovrebbe essere letta da tutti quelli che desiderano dare veramente una svolta al proprio Mantra Yoga.
Credo però che sia adatta soprattutto per chi vuole aggiungere lo strumento del mantra yoga nella propria vita e ha bisogno di informazioni sicure e semplici per iniziare.
Proprio per renderla accessibile a tutti ho deciso di impostare il prezzo al minimo possibile, come il costo di una pizza (margherita), cioè soli 7,00 euro.
Uno dei segreti più importanti e virtualmente trascurati per migliorare al massimo l’efficacia della propria pratica è quello di fare qualcosa di valore per gli altri.
Così ho deciso di mettere in pratica questo insegnamento mettendo a disposizione di tutti e ad un prezzo realmente accessibile questa guida.
Inizierai immediatamente un percorso che ti porterà presto la felicità che proprio adesso stai cercando e che si trova dentro di te, nascosta dalle convinzioni autolimitanti che ormai… hanno vita corta!

Non devi aderire a nessun credo!

I mantra che scoprirai in “Mantra Yoga per principianti” e le strategie per recitarli nel modo più efficace, provengono da insegnamenti millenari dell’antica civiltà vedica.
Si dice che un tempo la civiltà vedica comprendesse il mondo intero (pensa agli Egizi, ai Mesopotamici, i Maya, gli Aztechi, ecc..), quindi non si tratta di una piccola fetta di terra in Asia. 
Una conoscenza antica in quanto a origini ma moderna in quanto ad efficacia e utilità.
Non avrai bisogno di abbracciare la cultura indiana per avere il 100% dei benefici della pratica del Mantra Yoga che scoprirai in “Mantra Yoga per principianti“.

Non serve conoscere il sanscrito

Non ti devi assolutamente preoccupare della pronuncia del sanscrito per due semplicissimi motivi:

  1. Leggere il sanscrito è praticamente come quasi leggere l’italiano, infatti i suoni sono molto simili. Devi sapere che è molto più complicato pronunciare il sanscrito dagli anglosassoni.
  2. In “Mantra Yoga per principianti” ci sono delle audioguide in cui ti faccio ascoltare la pronuncia corretta dei mantra e nel giro di qualche giorno li saprai recitare perfettamente, senza errori.

Bene, penso di averti detto tutto, ora, se vuoi anche tu accedere alle potenzialità del mantra yoga e non sai da dove partire, è arrivata la tua occasione.
Om tat sat, 
Andrea (Ananda Kishor)

Mantra Yoga per Principianti
Come usare il potere del mantra per ottenere risultati concreti e misurabili. Rimuovi blocchi e mappe errate dal tuo inconscio con la vibrazione sacra.
129