LKS Foundation

Science & Technology

Token: in che modo la loro programmabilità si sposa con l’etica

2020-03-20 13:28:55

Vediamo più da vicino la token economy

La capacità di differenziare diverse forme di capitale è possibile grazie alla programmabilità dei token: essendo asset digitali, possono essere sottoposti a particolari regole applicate quando vengono scambiati, aprendo così la strada a limitazioni e possibilità al momento dell’utilizzo. 

Infatti si potrebbero programmare per essere spesi solo in presenza di termini specifici, o specificare come essere scambiati. 

Ad esempio, un token potrebbe essere programmato affinché non venga scambiato con i diamanti prodotti in una determinata nazione che usa la schiavitù per estrarli; in questo senso il token non solo è utile, ma esprime anche valori sociali. 

Allo stesso modo potrebbe essere creato un sistema di indennità sanitaria su blockchain in modo che fornisca le proprie prestazioni solo a figure specifiche. 

L'automazione di queste misure porterà a riduzioni considerevoli della burocrazia.

Questo sistema di token programmabili sta spostando la nostra economia da un modello in cui il valore è singolo verso uno un cui il valore è multiplo: si vanno a creare molteplici economie e valori conservando la possibilità di comunicazione tra di loro (es. scambio). 

I token possono definire qualsiasi cosa possa avere un valore per gli attori di mercato, ed il mercato agisce come un meccanismo di coordinazione distribuito per diffondere l'informazione. Le organizzazioni chiuse vengono aperte ai mercati, non c'è più bisogno di gruppi ristretti di presunti esperti che scelgono per gli altri, perché praticamente tutti possono avere voce in capitolo grazie a questi protocolli. In sostanza, la token economy può stimolare di più l'onestà nei comportamenti umani non solo attraverso il motivo del profitto, ma anche mediante un ventaglio ampio di altre motivazioni.

Ma mettiamo ordine a quanto detto fin qui: al giorno d'oggi il cloud storage è fornito da un ristretto gruppo di aziende, come Amazon e Microsoft ad esempio. Queste organizzazioni centralizzate dispongono di grandi data center, ciononostante rappresentano lo stesso una minima frazione della capacità di storage del mondo. La maggior parte dello spazio è presente nei singoli computer degli individui e gran parte di esso non è usato. Un token in questo senso andrebbe a creare un'economia distribuita per lo storage, un network decentralizzato che trasformerebbe il cloud storage in un mercato regolato algoritmicamente. Tale mercato funzionerebbe grazie ad una blockchain il cui token nativo verrebbe minato dai miner fornendo spazio di storage ai clienti. Viceversa questi ultimi spenderebbero i token per ingaggiare i miner affinché conservino o distribuiscano i dati. La somma di tutti questi computer che sono coordinati da un sistema di mercato automatico su blockchain può fornire un sistema più grande e più resiliente rispetto ad un modello centralizzato, riducendo altresì ridondanza ed inefficienze. Senza contare che in questo modo si diffonderebbe il servizio ben oltre i confini nazionali, poiché le persone si connetterebbero in una rete peer-to-peer sia a livello nazionale che mondiale.

I token, inoltre, possono essere scambiati con altre valute o possono essere accumulati  poiché si crede che il network guadagnerà influenza nel corso del tempo. Chiunque utilizzi il sistema dei token è anche un suo investitore, quindi l'economia dei token fonde l'investimento di capitale e il capitale liquido in nuovi modi (es. le azioni di una impresa non sono la stessa cosa di quanto un lavoratore viene pagato per il suo lavoro). I token rappresentano il valore della comunità e l'unità di scambio in quello stesso ecosistema. I fondatori di un progetto emettono un certo numero di token all'avvio e li vendono a coloro che vogliono usare il sistema, e questi ultimi diventano sia investitori di suddetto progetto sia utilizzatori, poichè li scambiano. Quindi quelle persone che creano valore all'interno dell'ecosistema vengono pagati con lo stesso token, ovvero, i lavoratori che creano valore col loro lavoro trattengono anche la proprietà dello stesso all'interno di tale organizzazione. Nel modello economico odierno, in cui il denaro fiat la fa da padrone, gli individui non hanno alcun diritto di proprietà sul denaro che posseggono.

La token economy allinea efficacemente gli incentivi degli individui con l'intero sistema, perché il valore dei token che guadagnano dipende anche dal valore dell'organizzazione. In una token economy un individuo lavora sia per sé stesso sia per l'intero network.

Non solo, ma la token economy risolve anche l’annosa questione del chi è nato prima, se l'uovo o la gallina, per quanto riguarda i network. Ad esempio, se voi foste un primo utente di un network come Amazon, il valore sarebbe molto basso e sarebbe difficile ottenere successo in quanto fortemente impossibilitato a raggiungere una massa critica. Questo vuol dire che per creare un network servirebbe un grosso investimento iniziale. Il modello Silicon Valley ha funzionato grazie a ingenti venture capital iniziali a disposizione. Ma questo significa anche che molti altri network muoiono quasi subito, e che quelli che raggiungono il successo diventano molto difficili da spodestare a livello di competizione. Inutile dire come i fondatori diventino estremamente facoltosi a scapito del resto del network. La token economy, invece, estende i benefici di essere un early adopter di un determinato network a tutti gli utenti: con l'emissione iniziale dei token gli utenti hanno la possibilità di condividere il successo del progetto. Infatti più quest'ultimo cresce, più il relativo token cresce in valore. Le persone vengono incentivate ad utilizzare sin dall'inizio il network del token in modo da sfruttare un eventuale aumento di valore in futuro. Le compagnie tecnologiche non devono più rivolgersi ai mercati dei capitali tradizionali per avviare una IPO, bensì direttamente alle persone comuni attraverso l'emissione di un token e raccogliere risorse iniziali per il progetto in cantiere.

Per rimanere aggiornato iscriviti al canale telegram

e visita il canale LKS Foundation su Cam.TV