LKS Foundation

Science & Technology

Marketing certificato grazie alla blockchain: una nuova spinta per il business

2020-06-08 14:17:52

La blockchain, la tecnologia che ha fatto nascere le criptovalute come Bitcoin ed Ethereum, garantisce sicurezza e trasparenza ai massimi livelli nelle transazioni e nei processi. Quali scenari si aprono per il marketing?

La rivista di settore Blockonomi, magazine lanciato nel 2017 con l'obiettivo di coprire tutti gli aspetti delle criptovalute, Fintech e l'economia blockchain, ha scritto delle potenzialità aperte da LKSCOIN nel suo utilizzo nel marketing.

Vi riportiamo di seguito l'articolo tradotto:

In un mondo sempre più interconnesso, dove l’esponenziale condivisione delle informazioni genera non poche difficoltà a distinguere il vero dal falso, si sta facendo sempre più strada la necessità di disporre di dati sicuri e certificati.

Il bisogno di informazioni attendibili è riconducibile al dilagare di comportamenti non etici di distorsione delle informazioni e diffusione di contenuti fuorvianti che sfociano nella problematica associata alle fake news.

Ma non solo.

Anche per le aziende, le difficoltà legate alla garanzia di autenticità delle informazioni, si traducono inevitabilmente in costi aggiuntivi imputabili alla necessità di effettuare monitoraggi e controlli. 

La blockchain: una tecnologia che automatizza la fiducia

Quando più di 10 anni fa è nato il Bitcoin, è stata creata non solo la prima valuta digitale ma anche un’architettura che si fonda sulla fiducia in modo automatizzato.

Se internet è stato il grande catalizzatore dell’informazione, la blockchain lo è a sua volta per quanto riguarda la fiducia. Il suo essere un registro condiviso in grado di creare asset unici e non duplicabili, di garantire e certificare lo storico completo di tutti i dati e delle loro transazioni, la rendono una tecnologia estremamente affidabile ed efficiente.

Si tratta, infatti, di un sistema che permette di fidarsi in maniera assoluta delle informazioni veicolate al suo interno perchè i dati sono condivisi, accessibili e distribuiti da tutti i partecipanti della rete in modo immutabile, trasparente e sicuro, senza la necessità di un organo centrale di amministrazione.

Il grande interesse delle aziende verso la blockchain è proprio imputabile alla sua capacità di trasferire valore e informazioni in modo sicuro e tracciabile. Questa sua caratteristica non offre solo notevoli opportunità di efficientamento a livello di filiera produttiva (con il tracciamento di materie prime e prodotti) ma apre nuovi scenari alla credibilità delle aziende stesse.

La garanzia di unicità

Come indicato prima, la blockchain è in grado di dare vita a asset digitali unici: un token crittografato su una blockchain che rappresenta un asset unico e non intercambiabile. 

Garantire l’unicità di un asset digitale significa non solo che non può essere condiviso e riprodotto da altri se non dal suo autore, ma anche riconoscere a quest’ultimo un ruolo di primo piano.

Le implicazioni per la tutela del diritto d’autore in rete qui sono fortissime. Gli utenti possono finalmente riappropriarsi dei contenuti che condividono su internet senza il timore che questo possa essere ri-condiviso o modificato da altri senza autorizzazione.

La fonte si lega così in maniera indissolubile al contenuto, garantendo eticità, trasparenza e una maggiore responsabilizzazione per tutti gli utenti attivi della rete. 

Ma per quanto riguarda i contenuti promozionali creati dalle aziende, quali sono i vantaggi offerti?

Verso un marketing certificato

Il marketing ha da sempre seguito di pari passo l’evoluzione tecnologica e, anche con la blockchain, il discorso non è differente. 

Oggi è normale prassi per le aziende utilizzare internet per promuovere la propria attività in tutto il mondo, condividendo contenuti e facendo sentire la propria voce all’interno di social network e altre piattaforme. 

Per le piccole imprese risulta però difficile avere visibilità, soprattutto se ci sono attori più grandi già affermati nel medesimo settore di appartenenza. Molti consumatori sono comprensibilmente diffidenti nei confronti delle aziende di cui non hanno mai sentito parlare prima, inoltre la vendita online di prodotti di scarsa qualità è un problema molto sentito.

Con la blockchain, le aziende affidabili saranno in grado di creare rapidamente un rapporto di fiducia con il loro pubblico, indipendentemente dalle loro dimensioni. Essere beneficiari di fiducia significa avere una reputazione, credibilità, un riconoscimento del proprio buon nome.

Grazie a questa tecnologia, le aziende saranno così in grado di dimostrare da dove provengono i prodotti e di promuovere la propria attività validando la comunicazione a garanzia della sua autenticità. Ciò aiuterà i clienti ad avere maggiore garanzie, così saranno più disposti ad acquistare presso le aziende che si pongono come soggetti validati rispetto ad altri concorrenti non certificati.

Il consumatore, infatti, si sentirà maggiormente tutelato nella sua scelta d’acquisto poiché avrà la certezza che i messaggi e le argomentazioni a sostegno della bontà del prodotto o del servizio proposto sono validate da un’azienda che si prende la piena responsabilità di quanto comunica, in modo trasparente e alla luce del sole. Il “metterci la faccia” assume sicuramente un valore aggiunto notevole in un contesto di mercato frammentato e globalizzato come quello attuale, specialmente nell’ambito della comunicazione digitale, estremamente pervasiva nella vita di tutti giorni ma percepita anche come più “distante” e sempre meno attendibile.

Il marketing certificato si propone quindi come una tutela in più per il consumatore e una spinta per il business delle aziende che assumeranno comportamenti più etici e trasparenti e che saranno premiate dalle scelte d’acquisto di un cliente sempre più attento e sensibile ai temi della responsabilità e qualità.

Ma c’è di più. Proprio per arginare il problema dilagante delle fake news e dei contenuti fuorvianti, saranno in futuro i motori di ricerca e le varie piattaforme online stesse a premiare i contenuti validati con una maggiore visibilità

Il progetto della LKS Foundation: contenuti certificati grazie all’NFT

La LKS Foundation, organizzazione italiana senza scopo di lucro che vuole sensibilizzare il pubblico sui temi della blockchain e della tutela del copyright, vuole dare vita a un vero e proprio processo per cui la proprietà del contenuto e l’identità della fonte siano collegati e registrati secondo i principi fondamentali della blockchain, attraverso una transazione univoca e irreversibile. 

A questo fine vuole creare una tipologia particolare di token, il Non-Fungible Token ovvero dei token che non siano intercambiabili tra loro, costituendo una prova inequivocabile di autenticità e proprietà nel mondo digitale.

In che modo?

Attraverso questo NFT, sarà possibile unire in un’unica transazione su blockchain:

  • l’identità della persona che deposita il contenuto;

  • il luogo e la data del contenuto;

  • il contenuto digitale stesso;

Grazie a questo processo diventa finalmente chiaro e certo chi sia l’autore del contenuto digitale, quando il contenuto sia stato creato e dove sia stato creato. In qualunque momento. La registrazione su blockchain permette, infatti, di ricondurre in modo univoco e irreversibile alla transazione iniziale di creazione del contenuto digitale, e quindi al suo creatore. 

Quello di cui si sta parlando è un vero e proprio modello blockchain-based che risolve il problema delicato della trasparenza, della fiducia e della sicurezza delle informazioni condivise e diffuse in rete.

Per raccogliere i fondi necessari a finanziare la creazione dell’NFT, la Fondazione ha avviato una Token sale sul portale di crowdfunding di Eidoo Crowd mettendo in vendita la criptovaluta LKSCOIN da lei sviluppata. La criptovaluta, testata con successo tramite oltre un anno di utilizzo continuato all’interno della piattaforma di Cam.TV, è stata messa in vendita al prezzo fisso di 0,01 Euro, prima del lancio sul mercato.

La campagna in corso, avviata il 30 marzo, terminerà il 30 giugno 2020 con l’effettivo posizionamento sul mercato della criptovaluta e, da quel momento in avanti, il suo valore sarà quindi soggetto a variazioni di mercato. 

La bontà dell’utilizzo della criptovaluta, creata per permettere agli utenti di inviare e ricevere compensi per i contenuti condivisi all’interno di Cam.TV, è stata ampiamente dimostrata grazie agli utenti della piattaforma (ad oggi 360.000 e in costante crescita) che effettuano dalle 30.000 fino alle 70.000 transazioni di LKSCOIN al giorno.

In Cam.TV, infatti, la criptovaluta viene utilizzata per acquistare o indicare apprezzamento - similmente ai like dei social network - per i contenuti pubblicati al suo interno (videocorsi, consulenze, articoli, video, ecc.). Al contempo, quasi 900 Masternode mantengono la blockchain sicura e stabile.

Federico Olivo, Presidente della LKS Foundation, ha commentato “abbiamo ricevuto grande interesse per il nostro progetto, sia dai singoli utenti che dalle aziende. Siamo consapevoli dell’esistenza di tematiche molto sensibili al giorno d’oggi come la tutela del diritto d’autore online e le difficoltà di monetizzare liberamente per i contenuti che si creano e condividono in rete. Con il lancio sul mercato della criptovaluta LKSCOIN, non vediamo l’ora di metterla alla prova nel libero mercato, considerati i numeri e le potenzialità che è stata in grado di dimostrare già all’interno della piattaforma di Cam.TV.”

Per tutti gli interessati a saperne di più e a partecipare alla IEO di LKSCOIN, inviatiamo a visitare il sito web ufficiale della Fondazione e il canale ufficiale all’interno di Cam.TV.