Come ottenere contributi a fondo perduto per la formazione gratuita dei lavoratori

2019-06-03 22:04:26

Molte aziende - specie micro, piccole e medie imprese - ignorano il fatto che possono ottenere contributi a fondo perduto per la formazione gratuita dei propri lavoratori, oppure pensano che ottenerli sia troppo incerto e complicato, pertanto rinunciano ad informarsi. Scopri come fare ...

Come ottenere contributi a fondo perduto per la formazione gratuita dei lavoratori

Esistono vari strumenti per ottenere contributi a fondo perduto per la formazione dei lavoratori, eccone alcuni:

- Fondi Paritetici Interprofessionali

- Enti Bilaterali

- Contributi per assistenza contrattuale

- Contributi erogati dalle Camere di Commercio

FONDI PARITETICI INTERPROFESSIONALI: COSA SONO?

I Fondi Paritetici Interprofessionali sono organismi promossi da associazioni imprenditoriali e organizzazioni sindacali, a cui le aziende possono iscriversi richiedendo a INPS che venga loro trasferito il versamento obbligatorio dello 0,30% che ciascuna azienda versa per ogni dipendente (quota parte del codice DM10 versato mensilmente tramite F24).

L’adesione ad un Fondo consente alle aziende di richiedere contributi per la formazione gratuita dei propri lavoratori. Cogli al volo l’occasione: hai la possibilità di formare i tuoi lavoratori gratuitamente !  

Esistono diversi Fondi Interprofessionali, ad esempio Fondimpresa, Forte, Fonter, Fondoconoscenza, FonArcCom ... L’adesione ad un Fondo permette di utilizzare quindi il contributo a fondo perduto per progettare e sviluppare tutte quelle attività formative di cui l’azienda necessita, compreso quelle nell'ambito della salute e sicurezza dei lavoratori. 

L’adesione ad un Fondo Interprofessionale NON ha costi, ma solo vantaggi: alcuni Fondi, come ad esempio Fondimpresa, erogano un bonus alle aziende di nuova adesione da spendere subito per realizzare un progetto formativo interamente rimborsato.

ENTI BILATERALI

Gli Enti Bilaterali sono organismi di natura sindacale costituiti pariteticamente dalle associazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori. Questi Enti svolgono le funzioni previste dal nostro ordinamento giuridico, tra cui la gestione del contributo per la bilateralità che viene versato mensilmente tramite il modello F24 predisposto dal consulente del lavoro che elabora le buste paga.

La maggior parte dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (CCNL) indicano un Ente Bilaterale a cui l'azienda è invitata a versare i contributi per la bilateralità affinché l'Ente Bilaterale possa erogare servizi ai datori di lavoro e ai lavoratori.

Tra tali servizi vi è anche la formazione finanziata a fondo perduto. 

Entro certe condizioni è possibile anche scegliere un Ente Bilaterale diverso da quello indicato dal CCNL applicato ai lavoratori, prendendo in considerazione il rapporto costo/benefici. 

CONTRIBUTI PER ASSISTENZA CONTRATTUALE (Co.As.Co.)

Le aziende aderenti ad una Associazione imprenditoriale di categoria, come ad esempio UAI - Unione Artigiani Italiani e delle Piccole e Medie Imprese e che hanno dipendenti hanno facoltà di versare, oltre alla quota associativa,  anche il Contributo di Assistenza Contrattuale Co.As.Co. ai sensi della L. 311/1973 per ricevere assistenza su tutte le problematiche legate alla applicazione del Contratto Collettivo di Lavoro Nazionale ai propri dipendenti.

Il Contributo di Assistenza Contrattuale va da un minimo dello 0,50% ad un max del 2% e può essere applicato ad ogni singolo dipendente delle aziende associate all'Associazione imprenditoriale.

Tale misura viene applicata a discrezione dall'azienda (con l'aiuto del proprio Consulente del Lavoro), inserendo un apposito codice nel flusso delle imprese nell'elemento

Con tali contributi è possibile finanziare, anche in modo indiretto, tutte quelle attività di consulenza complementare ed aggiuntiva che vengono erogate alle aziende per l’elaborazione dei cedolini paga, il cui costo è spesso ritenuto incluso nella consulenza del lavoro. A titolo esemplificativo ci riferiamo ai seguenti adempimenti:

- gestione delle procedure disciplinari ex art.7 L.300/1970;

- assistenza totale nelle procedure di Conciliazioni sindacali;

- ufficio legale per le controversie di lavoro;

- assistenza sulla scelta dei CCNL più rispondenti alle esigenze aziendali;

- infortuni e malattie professionali;

- formazione obbligatoria e non;

- formazione finanziata da fondi interprofessionali; 

- salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;

- consulenza assistenziale e previdenziale;

- adeguamento nuovo regolamento europeo sulla Privacy.

CONTRIBUTI EROGATI DALLE CAMERE DI COMMERCIO

Alcune C.C.I.A.A. erogano contributi a fondo perduto ai soggetti che vi sono iscritti tra cui ad esempio contributi per la digitalizzazione e tra tali contributi vi possono essere anche le attività formative finalizzate a tale scopo.

PER SAPERNE DI PIÙ COSA POSSO FARE?

Per info aggiuntive e/o per una PREANALISI GRATUITA e per la consulenza utile alla scelta del Fondo Interprofessionale, dell'Ente Bilaterale, dei contributi camerali e del Co.As.Co. contattami senza impegno! 

E' più facile di quanto credi, non perdere l'occasione, scrivimi adesso!