Meeting di Primavera - Castiglione del Lago (PG)

2019-05-06 09:50:36

Il Meeting vuole essere momento di incontro, confronto fra l'aviazione sportiva e da diporto e come ogni anno si propone di rinnovare l'evento nel migliore dei modi.

Meeting Di Primavera

Il Meeting vuole essere momento di incontro, confronto fra l'aviazione sportiva e da diporto e come ogni anno si propone di rinnovare l'evento nel migliore dei modi. La posizione geografica, il contesto turistico del comprensorio del Lago Trasimeno sul quale era basato lo storico aeroporto, fanno di Castiglione del Lago la sede perfetta per questo tipo di iniziativa che non ha mai nascosto le sue ambizioni internazionali.

Trasimeno Air Festival

Come ogni anno il T.A.F. Si impegna per dare una risposta adatta per ogni tipo di esigenza. Il festival ha l’ambizione di essere una vera e propria vetrina internazionale per i velivoli, attrezzature e gli accessori per l'aviazione da diporto e il volo sportivo. L'idea è quella di congiungere chi vive la nostra passione per diletto e chi, invece ha deciso di farne una lavoro; mettendo a confronto appassionati e professionisti.

Dal 1918, qui si vola !

Le prime attività aeronautiche sul lago Trasimeno si debbono al ten. Anselmo Cesaroni, un pioniere del volo che, tramite l’interessamento del deputato perugino Romeo Gallenga, fece impiantare nella baia di San Feliciano una base di idrovolanti inaugurata il 6 marzo 1914. Il campo per aerei terrestri di Castiglione fu invece inaugurato il 24 settembre 1918, ed il suo primo comandante fu il magg. Djalma Juretigh. Dodici anni dopo, nel 1928, iniziarono i lavori di potenziamento per trasferirvi la Scuola Caccia, costituita il 24 ottobre 1927 sul campo di Furbara (Roma), inadatto perchè in zona malarica. Castiglione fu inoltre intitolato alla memoria del cap. Leopoldo Eleuteri, asso con sette vittorie in combattimento aereo e nativo di Castel Ritaldi (PG), morto per incidente nel 1926. Dopo una lunga attesa, tra il 15 e il 22 dicembre 1931, la Scuola si trasferì a Castiglione dove le operazioni ripresero subito, totalizzando 4.700 ore di volo nel 1932 ed oltre 4.800 nel 1933. Inizialmente comprendente due squadriglie ( 1°, con sede a Castiglione e 2°, basata sul campo friulano di Aviano), nel 1933 incorporò anche la 5° squadriglia idro di Taranto, poi sciolta il 16 novembre 1935. Dal 1° novembre 1934 al 1° dicembre 1936 la scuola, che era frattanto diventata "Scuola di pilotaggio di 2° periodo", fu basata ad Aviano. Il ritorno a Castiglione coincise con la costituzione di una "Scuola Caccia" distaccata sull’aeroporto di Foligno. L’attività era diventata molto intensa: nel 1937, 420 allievi effettuarono 32.629 voli per un totale di circa 10.000 ore.

Nel 1938 sul campo fu dislocata anche la 29° Squadriglia da Osservazione Aerea, mentre la SAI Ambrosini di Passignano vi collaudava i propri apparecchi terrestri ed i caccia Macchi C.200 e C. 202 prodotti su licenza. Pur essendo privo di pista asfaltata, durante la seconda guerra mondiale Castiglione fece registrare una presenza media di 150 aerei tra Scuola (130), squadra riparazione e SAI. L’ampliamento, in corso nella primavera 1943, per portare a 1.400 m. l’ampiezza sfruttabile verso il lato Nord, fu bloccato dall’occupazione tedesca seguita all’armistizio. Nel dopoguerra l’uso dell’aeroporto fu limitato alle esigenze della SAI, impegnata fino al 1955 nella produzione di 145 esemplari dell’addestratore S7, ma già dai primi anni sessanta Castiglione, sia pure ancora atterrabile, venne abbandonato

1