Sara Piovesan

Condivido qua un breve racconto che ho scritto io, prendendo ispirazione da un mio sogno ! Spero vi piaccia :) EVASIONE Fred stava scrivendo una storia , La storia della sua evasione. Si stava impegnando moltissimo per essere in grado di raccontare la sua storia. Scrisse molte parole , una dietro l’altra. I suoi pensieri fluivano sul foglio senza difficoltà e le parole andavano a intrecciare frasi complesse. Pensava al suo racconto mentre lo scriveva, alla sua storia. “Mi hanno rapito” scriveva “un giorno stavo tornando dal lavoro quando all’improvviso ho sentito un forte colpo alla testa , neanche il tempo di sentire dolore che già intorno a me tutto si era fatto buio e le gambe avevano ceduto.Mi sono svegliato incatenato con degli strani cavi a un tavolo di metallo , sentivo freddo alla testa e come tante piccole ventose appiccicate, tanti fili intorno a me andavano a collegarsi a un macchinario enorme a lato del tavolo. Potevo vederlo con la coda dell’occhio” sospirò mentre scriveva seduto a gambe incrociate sulla spiaggia di fronte alla casa dove il suo amico Billy lo stava ospitando. Faceva molto caldo.“Non ricordo poi cosa successe , una scossa forse,poi un tremore aveva percorso il mio corpo, e di nuovo il vuoto..” sospirò ancora, ripensarci gli faceva male. Ora era là al caldo, sulla spiaggia e tutto era finito. Ma doveva. Doveva raccontare il suo passato per rendere tutti testimoni dell’accaduto. “Sono riuscito a fuggire,” continuò “a evadere da quell’incubo attraverso un lurido tunnel. La cella dove stavo era di terra e sabbia, così ho iniziato a scavare per delle notti un piccolo buco , rovinandomi dita e unghie e coprendolo con la piccola cassa adibita a letto.Ho trovato un uomo nel tunnel, Si chiama Billy, diceva di essere arrivato anche lui da una cella , di aver scavato a mani nude e messo in atto il mio stesso piano” si girò verso il buon vecchio Billy che ora sedeva accanto a lui incoraggiandolo nello scrivere la sua storia “abbiamo rischiato più volte di morire schiacciati dalla sabbia ma ci siamo sempre sostenuti e salvati a vicenda, se non ci fosse stato lui io sarei morto e invece ora sono qua a godermi la luce del sole.” Era già stanco di scrivere, non faceva per lui. D’altronde era un uomo stanco, era stato rapito, chissà per quanto aveva scavato per fuggire ma l’importante era che c’era riuscito. Ora doveva solo riposarsi.Si accorse che Billy se ne era andato -poco male!-pensò- mi farò un pisolino!- Appoggiò i fogli vicino a sè e chiuse gli occhi. Qualche giorno dopo trovarono Fred steso nel deserto, ricoperto di sabbia, morto. Si era allontanato nella notte dalla carovana con la quale stava attraversando il deserto.Aveva una grossa ferita in testa, doveva essere caduto. Accanto a lui, in una piccola buca,un pezzo di carta ricoperto di sangue con scritta qualche parola incomprensibile.Sembrava avesse voluto lasciare un messaggio. Ma cosa avrà voluto dire? Nessuno lo seppe mai.

Sara Piovesan

Attacchi di panico, sintomi e conseguenze

2019-09-01 16:07:37

Ho scritto questo breve articolo per chi come me almeno una volta nella vita ha sofferto di attacchi di panico, e per chi è incuriosito dall’argomento. Buona lettura:)

Sara Piovesan

Il Dismorfismo corporeo

2019-08-31 15:11:52

In questo breve articolo vi introdurrò a un disturbo più comune di quanto si pensi: il Dismorfismo corporeo. Spero lo troviate interessante ;) buona lettura!

1 2 3 4 5