Q-Anta Energia

Forza e Vitalità dei vent'anni agli anta

Dimagrire con il deficit calorico? Stai sbagliando Tutto!!

Scopri i 5 pilastri di un nuovo paradigma, per cui ragionare sul consumo di calorie è inutile, controproducente ed antiquato!

Ormai è comprovato: il corpo umano non è una macchina termica, bensì un motore elettrico.

Analizziamo nel dettaglio questa affermazione per capirne gli importanti risvolti.

Dalla notte dei tempi, ormai, si è soliti parlare di cibi in funzione del loro apporto calorico, ma questo ha veramente senso e fondamento scientifico?
Possiamo realmente paragonare una bistecca di manzo ad una fetta di torta solo in funzione di quante calorie apportano al nostro organismo? Tu paragoneresti una Ferrari ad una Punto?
Ovviamente è una domanda retorica e la risposta è categorica: NO! Questo sostanzialmente per 2 motivi, uno relativo alle caratteristiche del cibo che ingeriamo, l'altro relativo alle caratteristiche del nostro organismo. Ma andiamo con ordine.

Caratteristiche degli alimenti...ben più di un calcolo calorico!


Come già sai, gli alimenti portano con essi una varietà innumerevole di nutrienti. Questi ultimi si suddividono in macronutrienti e micronutrienti. 
I primi possono essere a loro volta suddivisi tra:

  • Carboidrati
  • Proteine
  • Grassi
  • Fibre
  • Acqua

I micronutrienti, al contempo, si suddividono in:

  • Vitamine (retinolo, calciferolo, biotina, acido folico, acido ascorbico e così via)
  • Minerali (calcio, zinco, sodio, magnesio...)

Appare, quindi, evidente da subito che parlare solo ed esclusivamente di calorie è oltremodo riduzionistico. Ma c'è di più!!

Il corpo umano, una meraviglia di ingegneria...elettrica!


Il concetto che il nostro organismo sia assimilabile ad una macchina termica, fa nascere dei quesiti che rimangono irrisolti:

  • Dove sono tutti i rifiuti che tutte le macchine termiche producono?
  • Come può il rendimento essere così alto (parliamo del 70-75%) quando i valori medi per le macchine termiche si aggirano intorno al 35-40%?
  • Il corpo umano processa in quantità pressoché illimitata una serie di reazioni biochimiche che avvengono tutte velocemente, precisamente e senza alcun margine di errore. Non c'è rischio che una molecola entri in contatto con un'altra con cui non deve entrare in contatto.
  • Per di più, questi processi avvengono con quantità infinitesimali di energia.


Tutto ciò non è tipico nel modo più assoluto del mondo delle macchine termiche, dove si immette una grande quantità di sostanze e si fornisce una quantità estremamente alta di energia per ottenere una piccola quantità del prodotto desiderato ed una grande quantità di rifiuti.
Si rivela, quindi, necessario operare un cambio di paradigma.

"Non puoi risolvere un problema con lo stesso tipo di pensiero che hai usato per crearlo" - A. Einstein


Se consideriamo tutti questi aspetti, nasce spontaneo l'accostamento ad un motore elettrico.
Questo parallelismo è fondamentale ed è quello che ci permette di superare, definitivamente, il concetto di caloria. In fondo, la caloria è definita come quella quantità di calore necessaria per innalzare da 14,5° a 15,5° un grammo d'acqua...e cosa potrà mai aver a che fare questo con quella macchina complessa ed ingegneristicamente perfetta qual è il corpo che abitiamo?
NULLA!!

Chi è, quindi, che ci fornisce Energia per attivare questi innumerevoli processi?

Semplice, l'ambiente esterno

Vale a dire, in particolar modo, 3 elementi:

  • Aria
  • Acqua
  • Nutrienti

Ecco che si chiude il cerchio!

Ricapitolando...i 5 pilastri del nuovo paradigma

  • Il corpo umano non è una macchina termica, bensì una ben più performante macchina elettrica
  • Al bando le calorie! Quello che ci interessa è la qualità dell'Energia volta a ricaricare efficientemente le nostre batterie
  • Focus sull'ambiente esterno, l'ecosistema completo in cui va ad inserirsi il nostro organismo
  • Acqua (e qui si apre un mondo) ed alimenti di qualità necessari per mantenerci "performanti", con livelli di rendimento che anche una Ferrari può solo sognarsi
  • Ritorno al Passato! Alla nostra natura di cacciatori-raccoglitori, all'età della pietra (da qui il nostro Brand Stone Life) sia come alimentazione, ma anche, e soprattutto, come stile di vita a 360°

Quindi, cosa fare?


Semplicemente, smetti di contare le calorie, butta via bilancia e tabelle, mangia a sazietà, il tuo corpo sa quello di cui ha bisogno e in che misura. Evidentemente, c'è bisogno di un naturale riadattamento, in particolar modo del ciclo fame-sazietà, ma, scegliendo gli alimenti giusti, rieducherai consapevolmente il tuo corpo. Sarà tutto molto rapido ed indolore! 

Come fare?

Ti rispondo con una domanda: cosa sei disposto a lasciare?
Ti regalo la risposta! Un semplice consiglio che sarà la prima tappa per raggiungere il successo. Prendi carta e penna, schermo e polpastrelli per i più moderni!
Decidi oggi stesso un alimento che vuoi non faccia più parte della tua alimentazione (magari il dolce a fine pasto); inizia già da oggi a non mangiarlo e segna sul calendario ogni giorno in cui riesci nell'intento. Vedrai che dopo pochissimi giorni te ne sarai dimenticato e non avrai più neanche bisogno di segnarlo. Sarà una piccola conquista, ma ti renderà consapevole del fatto che puoi riuscire in tutto ciò che vuoi, se veramente lo vuoi! 

"Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare" . Ben Herbster

E tu, cosa ne pensi?

Se l'argomento ti interessa, facci sapere la tua opinione nei commenti!

Un abbraccio
Gianluca
Formatore e Coach nutrizionale di Q-Anta Energia







by Gianluca Caciotta