Quando tu puoi esserne l'unico beneficiario

2021-06-07 09:24:47

I tuoi dati valgono ora per te, non per gli altri. Fai che l'economia di un guadagno frutti nelle tue tasche non in quelle delle multinazionali .


Sui social hai scritto di essere in debito con la vita. La gratitudine che tu provi nei confronti della vita ti ha dato lo stimolo a creare qualcosa di così grande? Ho scelto di percorrere una strada che potesse portare beneficio anche ad altri. Generalmente le avventure imprenditoriali portano il maggiore beneficio allo stesso imprenditore e questo inevitabilmene porta ad una forma di egoismo e narcisismo. Io, vedendo persone che hanno perso il lavoro proprio a causa di questo, e avendo perso molto anch’io, avendo investito in un’azienda che poi finì male, mi sono trovato in prima persona in una situazione davvero di depressione. A quel punto mio padre mi disse “Hai fatto qualcosa di importante e te l’hanno rubato. Qual è il problema? Puoi sempre rifarlo”. Questa frase mi ha dato la forza di ricominciare, ma con una logica diversa. Siccome io non sono capace di accumulare denaro perché tendo a investire tutto per creare sempre qualcosa di nuovo, ho scelto un progetto che potesse dare un beneficio a tanti. Oggi, sapere che ci sono famiglie in Italia che grazie a noi, possono contare su qualche soldino in più e poter pagare più facilmente una bolletta o acquistare un paio di scarpe in più per i propri figli, è una cosa importante e che mi rende orgoglioso. La parte più difficile da far comprendere è proprio questa, perché media e social ci hanno abituati a pensare che gli imprenditori difficilmente fanno qualcosa che poi sia concretamente fonte di beneficio per altri; quindi è difficile pensare che anche Daniele Marinelli non stia facendo tutto solo per se stesso. Il nostro è un percorso ambizioso e sicuramente è ricco di ostacoli e difficoltà, tanto che io non posso fornire garanzie e certezze, ma di sicuro posso dare una certezza ovvero che io sono qui e ci metto il massimo impegno.

Perché il network marketing è visto così male in Italia? Perché c’è così tanta diffidenza? In Italia è visto un po’ tutto con diffidenza, dal network marketing, alle cripto valute, alle carte di credito: noi siamo stati l’ultimo paese ad adottare la carta di credito per gli acquisti on line, proprio perché siamo diffidenti e timorosi per natura. Abbiamo forse perso un po’ di quella audacia che ha fatto si che il popolo italiano oggi è ricordato per tanto ingegno manifestato nei secoli passati. Certo il network marketing è visto male anche perché ci sono state tante aziende che hanno fatto molti danni e questo ha contribuito a creare paura e diffidenza. Il network marketing è una professione, ma purtroppo in Italia si è diffuso l’errato messaggio che il network marketing ti fa diventare ricco senza fare nulla. Ma naturalmente non è così, perché la verità è che si può diventare ricchi, ma bisogna lavorare tanto e lavorare bene. Ci sono poi molte persone che sono state coinvolte in un concetto sbagliato di network marketing e per ovvi motivi oggi sono portati a dire che il network marketing non funziona. In italia esiste una normativa che definisce bene la differenza tra network marketing e sistemi piramidali… la cui sostanziale differenza è che nel network marketing vero, i guadagni sono meritocratici e derivanti dal proprio lavoro.

Che rapporto hai con la paura? Io ho sempre molta paura e trovo che la paura sia fondamentale perché è quella che aiuta a ponderare le scelte. Io come persona ho sempre diffidato da chi dice di non avere paura, perché non avere paura significa essere incoscienti.

Che consiglio puoi dare ai giovani che si affacciano a UShare e al mondo del lavoro? Consiglio sempre ai giovani di provare con tutte le loro forze ad essere incuranti di ciò che dicono dall’esterno e di perseguire con tenacia le loro passioni senza lasciarsi influenzare dai commenti limitanti e demotivanti che spesso sono fatti proprio all’interno delle proprie famiglie. Quante volte abbiamo visto giovani talentuosi essere frenati proprio dai familiari. Quando c’è una grande passione alle spalle, in qualsiasi settore e attività, non bisogna lasciarsi condizionare. Errori e fallimenti ci saranno, ma servono per andare avanti. All’estero e in particolare negli USA, i fallimenti individuali sono visti con favore poiché rappresentano esperienza.. ( se ovviamente non sono premeditati per recar danno ad altri); solo in italia sono demonizzati. Io sono convinto che quando c’è un obiettivo perseguito con perseveranza, alla fine il risultato arriva.

7  
13