Il RESPIRO

Respirare bene per vivere meglio

Respirare = vivere
Nessun'altra funzione vitale ci rende consapevoli della vita
manifesta quanto il respirare: il nostro primo atto di vita quando
usciamo dall'utero è rappresentato da un'inspirazione e l'ultimo
atto quando sopraggiunge la morte è un sospiro accompagnato da
un'esalazione. Tra questi due momenti è racchiusa la vita intera
scandita dalle inspirazioni e dalle espirazioni. Anche i miti della
creazione si riferiscono a un elemento aeriforme, lo "spirito" o
il "soffio vitale", come nella tradizione biblica in cui l'uomo
viene animato attraverso il soffio della narice divina.
L'agire dell’uomo è quindi strettamente legato al suo ritmo
respiratorio.
Il respiro è vita; non solo permette l'esistenza ma è l'essenza
stessa di tutto ciò che è animato; cessare questa attività significa
morire.
Nelle diverse lingue le parole che hanno attinenza con la
funzione respiratoria sono sinonimi di vivere. Anche in alcuni
stati emotivi, espressioni figurate o modi di dire, la funzione
respiratoria riveste un ruolo essenziale.
Così le parole "angoscia" e "ansia" con la loro connotazione
emotiva legata alla sopravvivenza derivano dal latino angere,
che significa "stringere, soffocare, strangolare" e infatti alla
sensazione emotiva di angoscia corrisponde la sensazione fisica
di mancanza d'aria, l'aria diventa "irrespirabile e pesante" e ci
si sente "soffocare".
Ugualmente chi prolunga la fase inspiratoria è il cosiddetto
"pallone gonfiato", "si dà delle arie", "è pieno di boria" (vento
di tramontana) o diversamente "è trattenuto, soffoca le passio-
ni", "rimane senza fiato". Un'altra accessione legata all'atto
dell’inspirare, che significa "spirare in", cioè soffiare dentro o
sopra, è infondere sentimenti come le espressioni "ispirare
fiducia, compassione, ecc.".
Anche l'ispirazione dell'artista è l'inglobare contenuti per poi
elaborarli personalmente ed "espirarli", cioè portarli fuori
come atto creativo.
Lo stesso l'espirazione, a seconda delle disposizioni d'animo,
può tradursi in "soffiare" (da "soffiare il posto a qualcuno",
"soffiare" nel senso di fare la spia), "sbuffare", "fiatare",
"alitare", "sospirare". Il respiro inoltre non solo permette la
vita ma collega in qualche modo il microcosmo umano al
macrocosmo universale attraverso l'aria, intesa anche come
energia universale.