E se Cam.tv senza la sua APP fosse un social... MIGLIORE?

2019-10-15 15:19:19

Articolo un po "strambo" sull'abuso che spesso facciamo del cellulare. Una riflessione che mi ha portato ad una provocatoria conclusione...

Sei felice?

Ecco. Te l'ho chiesto. Senza giri di parole, ermetico come una poesia di Montale e ficcante come l'assist di Pirlo nel goal di Grosso alla Germania.

Ora però immagino che mi dirai:

"Caro Leo, ti rendi conto che questo è il canale di un consulente di web marketing, vero? Cosa c'entra questa domanda?"

C'entra perché è la più importante domanda che dovremmo sempre farci! Più importante del focus, di cui spesso parlo nelle mie consulenze e corsi di personal branding.

Anche perché la felicità è l'obiettivo più grande a cui dobbiamo sempre puntare.

Allora cerchiamo di guardarci con obiettività, cerchiamo di fermare il nostro tran-tran e di pensare a come stiamo portando avanti le nostre vite.

Magari nel tuo caso mi sbaglierò, d'altronde non si può fare di tutt'erba un fascio, però è assai probabile che non ti senta soddisfatto della tua vita, e che soprattutto le tue abitudini di vita non siano proprio uno splendore.

Già, le abitudini! La forza delle abitudini!

Come scrive lo psicologo Luca Mazzucchelli, autore di questo magnifico libro ed amico che adoro, le piccole abitudini della nostra vita sono in grado di condizionare la nostra serenità quotidiana. E alla lunga anche la nostra felicità in senso ampio.

Ecco. Allora abbi il coraggio di guardarle in faccia queste tue abitudini.

Ed abbi il coraggio di guardare in faccia soprattutto l'abitudine più subdola e non poco distruttiva...

L'abuso del cellulare!

Che uso ne fai? Quante ore trascorri con in mano questo strumento? Non credo minuti, piuttosto temo ore. Tante ore.

In effetti un recente studio lo conferma: in Italia circa 50 milioni di persone usano giornalmente uno smartphone con una media di più di 2 ore d'utilizzo. Sottolineo che è una media, significa che c'è gente che quasi non lo usa, così come c'è un bel po' di gente che praticamente ci vive incollato!

Ma il punto non è questo, ma COME lo usi:

Lasciami indovinare: scrollando di continuo, ed in modo conpulsivo, il tuo newsfeed. Su Facebook, ad esempio, ma anche su Instagram, su Linkedin, su Twitter e... visto che questo articolo ne fa parte... anche su Cam.tv.

Perché lo fai?

Ritornello della malinconica canzone di Masini e pretesto per fare il solito professorone...

Il motivo principale per cui non smetti di usarlo sono le continue notifiche che ti invia il tuo cellulare.

Accedendo da un computer ad un normale sito web, infatti, normalmente l'effetto è inesistente o poco marcato, e questo perché l'uso di un social da PC normalmente è un'abitudine dal tempo definito.

Lo smartphone, invece, ci segue ovunque, è costantemente acceso (anche di notte) ed è costantemente connesso ad internet.

Inoltre, motivo cruciale, nello smartphone hai le APP: comode icone che, una volta aperte, estendono l'esperienza d'uso dei social per un tempo praticamente infinito.

Ma purtroppo non finisce qui.

Sullo smartphone le app sfruttano le NOTIFICHE (in gergo "notifiche push"): i tipici "diiin" che ti avvertono di un nuovo post, di un commento, di un messaggio, a cui non sai dire di no.

Perché non sai dire di no? Di certo lo sa la scienza...

Tutta colpa del "cervello rettiliano"

Oltre al cervello mammifero (sistema limbico) e alla sede della coscienza (la neocorteccia), nel nostro cranio c'è il tronco dell'encefalo.

Quest'ultimo è sede dell'istinto di sopravvivenza che abbiamo ereditato dalle ere preistoriche. Un tempo dovevamo predare per sopravvivere oppure difenderci dai predatori, azionando l'attacco o la fuga.

Questo esatto meccanismo ce lo ritroviamo, sebbene per scopi diversi, ai giorni nostri quando afferriamo il nostro smartphone in quanto vediamo una nuova notifica come un'opportunità (preda) o come una minaccia (predatore).

Dunque se la tua ragione ti dice di staccare con lo smartphone, il tuo istinto ti dice di non farlo, facendotici rimanere incollato. 

E' più forte di te: devi tappare sull'icona delle notifiche per scoprire di chi o cosa si tratta! E visto che le notifiche sono praticamente continue, queste ti fanno stare ore ed ore incollato al cellulare.

Anche io, lo ammetto, a volte ne sono soggetto. Lo siamo tutti, non dobbiamo vergognarcene. E' la natura umana, non c'è scampo.

Ed infatti la "dipendenza da smartphone" è un problema reale e molto diffuso (che chi costruisce cellulari e progetta app conosce benissimo!).

Il problema è che è qualcosa purtroppo in grado di rovinare le nostre vite, rendendoci meno produttivi al lavoro, o in casa di allontanarci dai nostri affetti familiari!

E' una cattiva abitudine che ho avuto anch'io in passato, lo ammetto! Diversamente non avrei avvertito il problema come "grave" e non avrei fatto niente per limitarlo. Figuriamoci scriverci questo post!

Quindi... dove voglio arrivare?

Quel che voglio sollecitare in te è una cosa molto semplice.

Pur godendo della moderna tecnologia, non dobbiamo per nulla al mondo perdere contatto con noi stessi e con le persone in carne ed ossa che ci circondano. 

Purtroppo nessuno di noi è immune dal cervello rettiliano, né è così saggio da non farsi tentare dalle notifiche del cellulare.

Quindi ne deduciamo che l'unico modo per risolvere il problema è... PREVENIRLO!

Come? Semplicemente disattivando le notifiche (tutte!) dal nostro cellulare! Oppure, se trovi la cosa complicata, staccando la connessione wifi o di rete!

Si tratta di fare un gesto semplice che però può risolvere un grande problema.

Per quanto mi riguarda per lavoro purtroppo non mi è sempre possibile farlo tuttavia l'abitudine di mettere il cell in modalità offline nelle ore non lavorative fa in modo che questo non condizioni negativamente il rapporto con le persone che mi stanno accanto, quindi la mia vita!

Continuo a pensare che lo smartphone sia uno strumento bellissimo ed utilissimo, ma che possa portarti ad un'alienazione totale rispetto a quella che è la realtà quotidiana facendone un uso eccessivo.

Mi auguro che deciderai anche tu di intervenire. E, perché no... magari immaginando...

Un Cam.tv senza APP!

Intendiamoci: l'app di Cam.tv è una cosa bellissima, lo sappiamo tutti, ma stando al mio ragionamento, se ne potrebbe anche fare a meno!

Penso infatti che a differenza del classico uso tramite browser, l'APP da cellulare ne spinga l'uso non tanto come conseguenza del valore offerto dalla sua community e dai contenuti (che stimolano soprattutto il sistema limbico e la neocorteccia), ma per quel meccanico gesto rettiliano NON razionale che, spingendoci a controllare di continuo le notifiche, ci fa focalizzare più sui guadagni economici che sui valori.

E questo a maggior ragione che in Cam.tv molte notifiche spesso ti indicano una "preda": l'arrivo di un guadagno o di un'offerta!

Da investitore auspico che l'APP di Cam.tv venga finalmente rilasciata pubblicamente se non altro così da rendere il "social del sapere" più popolare nel mondo.

Spero però, per il bene di tutti, che delle APP sul cellulare, quella di Cam.tv inclusa, nessuno possa diventarne schiavo. Anzi, che ne diventi semmai padrone, rimanendo in pieno controllo dei ritmi e delle priorità. 

So bene che il cellulare può essere l'ultimo dei problemi per tanta gente, eppure sono certo che farne un uso limitato o consapevole può portare un grande giovamento alla tua vita!

#TheBrandMaker

PS: A proposito: che ne dici per una sera di buttare via gli smartphone e vederci dal vivo? Se il 23 ottobre sei a Milano non puoi lasciarti sfuggire questa cena. 

533 ricevuti da: