CETRIOLO SOTT' ACETO....

2019-03-12 07:08:41

trapianto: da marzo in serra, da aprile a luglio all'aperto sesti d'impianto: 50 sia tra una pianta e l'altra che tra le file posizione: in pieno sole e su terreni dotati di buona fertilità altezza della pianta: raggiunge un'altezza di 1.5 metri raccolta: da maggio ad ottobre, generalmente i primi frutti si raccolgono 30 giorni dopo il trapianto.curiosità: ottimo ibrido dalla produzione molto abbondante; i frutti si raccolgono quando sono ancora di piccole dimensioni in quanto risultano più idonei alla conservazione in vaso (sottaceto). Il cetriolo irrigato con regolarità produce frutti più serbevoli

1  

Cetriolo digeribile.... un piacere tutto da gustare!!!

2019-03-11 06:05:32

trapianto: a marzo in serra, da aprile a luglio all'aperto sesti d'impianto: 50 cm sia tra una pianta e l'altra che tra file posizione: in pieno sole e su terreni dotati di buona fertilità altezza della pianta: raggiunge una' altezza di 1.5 metri raccolta: da maggio ad ottobre, generalmente i primi frutti si raccolgono 60 giorni dopo il trapianto curiosità: particolarmente apprezzato per la facile digeribilità dei suoi frutti che raggiungono i 25 cm di lunghezza. Pianta forte estremamente produttiva

21  

Maggiorana.... dall' impianto alla cucina!!!

2019-03-10 09:57:47

Pianta officinale che nell'antica Grecia era considerata simbolo di buon augurio, la maggiorana è oggi una pianta aromatica particolarmente apprezzata che si può spesso trovare in morti orti casalinghi. Maggiorana: coltivazioneLa maggiorana è un’erba aromatica dalla coltivazione molto semplice, che ben si adatta alla coltivazione in serra, in vaso o nell'orto. Maggiorana: coltivazione in vasoIl periodo ideale per il trapianto in vaso della maggiorana è quello a cavallo tra i mesi di marzo e di aprile, quando cioè le temperature cominciano a salire. Il vaso adatto deve essere di media dimensione per permettere all'apparato radicale di ossigenarsi in modo corretto al fine di evitare così la formazione di muffe. Il terrenoIl terreno deve risultare, pur prestando la massima attenzione nell'evitare i ristagni d'acqua, abbastanza umido e non deve essere abbastanza ricco di sostanze organiche; la maggiorana inoltre si presta ad essere coltivata praticamente in tutti i substrati prestando sempre però particolare attenzione ai ristagni d'acqua.Al terriccio di base possono poi essere aggiunte della sabbia e della torba, elementi che lo alleggeriranno migliorando le sue capacità drenanti, riducendo così il rischio di ristagni, pericolosi per l'apparato radicale. Una leggera concimazione organica a base di compost o stallatico può essere infine utile anche se non è strettamente necessaria. La maggiorana è quindi una pianta non particolarmente esigente in termini di terreno e di bisogno di concimare. Esposizione al soleLa maggiorana ama un clima mite, teme le gelate invernali e predilige posizioni ben soleggiate. Nelle aree dove l’inverno è molto freddo si può comunque coltivare questa aromatica prestando però particolare attenzione nel proteggerla dal freddo. In inverno è quindi consigliabile spostare il vaso in una posizione riparata oppure effettuare delle pacciamature o delle coperture proprio per proteggerla dalle gelate. InnaffiaturaLa maggiorana non deve essere innaffiata di frequente poiché è una pianta abbastanza resistente anche se il suo bisogno di acqua aumenta nella stagione secca tendenzialmente quindi durante l'estate quando vi è un maggiore rischio di siccità oppure in caso di una mancanza prolungata di precipitazioni. È importante però non esagerare con i quantitativi di acqua che potrebbero creare dei nocivi e pericolosi ristagni; un consiglio è infatti quello di innaffiare poco ma spesso.In inverno invece basterà semplicemente controllare che il terreno rimanga umido ed eventualmente abbeverare due o tre volte in un mese. Se la pianta è sviluppata le irrigazioni si limitano quindi ai periodi di eccezionale siccità, mentre quando la maggiorana è giovane meglio bagnare periodicamente, sempre però con moderazione. Maggiorana: coltivazione nell'ortoIl periodo ideale per il trapianto nell'orto si colloca a cavallo tra marzo e aprile, cioè in primavera, anche se d'estate, quando cioè le temperature diventano eccessivamente alte, la maggiorana ha bisogno di più frequenti irrigazioni per riuscire a sopravvivere.La scelta del terriccio da usare e le cure colturali per la coltivazione della maggiorana nell'orto sono esattamente le stesse di quella effettuata in vaso anche se è necessario prestare particolare attenzione al repentino calo delle temperature; è quindi preferibile collocare la piantina di maggiorana in una posizione dell'orto riparata che non la esponga alle correnti fredde e alle temperature troppo rigide.La pacciamatura della maggiorana può essere inoltre molto utile per riparare la pianta nei mesi invernali evitando che geli il terreno intorno alle radici. È inoltre consigliabile tagliare ogni anno i rami della maggiorana accorciandoli, preferibilmente nei mesi di gennaio o febbraio. Maggiorana: coltivazione indoorLa scelta del terriccio da usare e le cure colturali per la coltivazione indoor della maggiorana sono le stesse che ti abbiamo indicato per quella nell'orto. L'unica differenza è che, essendo coltivato all'interno in un ambiente tendenzialmente a temperatura controllata,

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85